Rete ospedaliera, fortemente penalizzata la provincia di Siracusa

Rete ospedaliera, fortemente penalizzata la  provincia di Siracusa

Siracusa, 2 agosto 2018: La commissione Sanità ha approvato la bozza di Rete ospedaliera presentata dal Governo, senza modificarla, e di conseguenza penalizzando, fortemente, la provincia di Siracusa e i suoi cittadini. Rispetto al Decreto Assessoriale 629 del 31 marzo 2017 la provincia di Siracusa perde posti letto,scendendo da 795 a 783 ( 12 in meno). Perde Unità Operative Complesse, 35 anziché 45 ( 10 in meno rispetto a quanto dovuto), perde Unità Operative Semplici 36 anziché 59 ( 23 in meno). Augusta scende sotto 120 posti letto e non diventa DEAI, come Gela e Milazzo, nonostante la norma da me voluta equipara i tre ospedali. Avola perde la U.O.S.D. di oculistica. Lentini, nonostante l’apertura della rianimazione, resta ospedale di base, mentre altri erano gli impegni assunti. Noto viene abbandonato a se stesso e non vengono ribaditi gli impegni assunti negli anni passati. Siracusa perde Unità Operative semplici e Complesse in numero cosi alto da non rispettare le prescrizioni di cui al verbale della riunione del 24 marzo 2017 del Tavolo ministeriale per il monitoraggio dell’attuazione del decreto ministeriale2 apriele 2015 n, 70 per la riconduzione  delle strutture complesse entro i parametri e gli standard previsti dallo stesso D.M. Di conseguenza, ha concluso Vinciullo, la nostra provincia è stata fortemente penalizzata, tonando indietro negli anni, a favore delle cliniche private che continuano a farla da padroni in provincia di Siracusa

 

Lo comunica Vincenzo Vinciullo.

Rete ospedaliera, fortemente penalizzata la provincia di Siracusa ultima modifica: 2018-08-03T07:36:12+02:00 da Ifatti