ESECUTIVA LA SENTENZA DEL TAR / LA TECH SERVIZI SCRIVE AL COMUNE: LA TEKRA NON PUO’ ILLEGITTIMAMENTE GESTIRE LA RACCOLTA RIFIUTI, SUBITO UNA NUOVA GARA

La Tekra non può illegittimamente continuare a gestire il servizio fino alla conclusione della gara settennale. Lo afferma in una nota già inviata al comune e a tutti i soggetti competenti, l’avvocato Giovanni Pappalardo, per nome e per conto della Tech Servizi. Come si ricorderà il 15 luglio scorso, con sentenza 1771, il Tar di Catania aveva ritenuti nulli gli atti  ella cosiddetta gara ponte. Il Comune si era opposto alla decisione del Tar e aveva fatto ricorso al Cga. L’11 settembre scorso in Camera di consiglio al Cga, invece lo stesso  Comune ha rinunciato alla sospensiva. Fatto questo che ha reso esecutiva la sentenza 1771 del Tar.

A questo punto la Tech Servizi quindi chiede subito una nuova gara anche per la gestione della gara ponte visto anche la Tekra si sta occupando illegittimamente del servizio già dal gennaio 2019 e quindi da nove mesi. Considerato poi che è stata bandita una gara settennale che visti i tempi occorrenti potrebbe anche durare due o tre anni, non è possibile che la Teckra resti illegittimamente a gestire la raccolta dei rifiuti ed è giusto rifare subito la gara. Se il Comune non lo facesse verrebbe meno all’esecuzione della sentenza ormai definitiva del Tar e verrebbe anche meno ai principi di concorrenza con danni evidenti alla Tech e ad altre ditte che intenderebbero partecipare alla nuova gara. La Tech Servizi, in ogni caso, se non vedesse riconosciuti i suoi diritti, preannuncia già da oggi una chiesta di congruo risarcimento danni.