Privacy Policy CARMELO SPATARO: L'ALLEANZA PD-GRILLINI AVRA' LA DURATA DI UN SOFFIO – I Fatti Siracusa

CARMELO SPATARO: L’ALLEANZA PD-GRILLINI AVRA’ LA DURATA DI UN SOFFIO

Carmelo Spataro, da quanto tempo manchi da Siracusa? Diciamo di attivismo politico?

Ho smesso di essere in servizio permanente effettivo. Sono in attesa di richiamo alle armi se e quando ci saranno le occasioni di impegnarsi  attivamente. Spero che il prossimo congresso del Pd sia una occasione per fare scoccare la scintilla.

Come sai bene oggi abbiamo un sindaco di bello aspetto, Francesco Italia, che ha vinto la campagna elettorale scorrazzando in bicicletta. Pensa che è stato vicesindaco di Garozzo per 5 anni e nonostante tutto quello che non hanno fatto, è stato eletto sindaco..

Io non conosco Francesco Italia. Non ho quindi alcuna riserva psicologica nei suoi confronti. In politica ho imparato che quando si vince o si perde le colpe e le responsabilità non sono solo degli altri  e vanno equamente ripartite tra gli schieramenti in contrapposizione. Il ballottaggio comporta meccanismi imprevedibili. A primo turno scegli il più vicino, a secondo turno il meno distante. Se poi tieni in considerazione che si esaurisce il meccanismo di trascinamento delle liste, tutto diventa possibile. E’ accaduto a Siracusa e lo stesso, a parti invertite, in altri città capoluogo.

Che ne dici di un sindaco Pd che si è alleato coi cinque stelle ed ha votato insieme a loro a partire da luglio

“Alleanza” PD e 5stelle?  tutti i partiti ed i Movimenti rimasti fuori hanno scelto il meno distante. I 5stelle, che erano i più numerosi elettoralmente hanno scelto Italia e credo che lo abbiano fatto spontaneamente. Altri hanno scelto Paolo Reale ma non sono stati determinanti per farlo vincere. E poi a Siracusa hanno anticipato quello che è accaduto a livello nazionale: un contratto di fatto mai sottoscritto che può avere la durata di un soffio in piena estate. Non so quanto e a quali condizioni resisterà questo accordo.

Nonostante l’alleanza insolita, il sindaco bello non aveva i numeri, così ha affascinato alcuni consiglieri del centro destra, Michele Mangiafico in testa, ed è riuscito a far eleggere una presidente grillina in consiglio comunale. Commento?

L’elezione del Presidente del Consiglio Comunale rappresenta tutta una vicenda all’interno del centro destra, dimostrando nei fatti che l’alleanza era elettorale e non politica. Antichi vizi della politica siracusana e non solo.

Abbiamo l’aria inquinata, le strade scassate, il 62 per cento di giovani disoccupati..

Il problema dell’ambiente è una questione molto seria. Te lo dice uno che lavora in una realtà dove la questione ambientale e degli investimenti a tutela della salute e dell’ambiente ha lasciato il posto a piccole beghe di potere e ad una governante inesistente. Ci sono risorse e possibilità di intervento impelagate in un groviglio inaccettabile di competenze e burocrazia che sta distruggendo il nostro stesso tessuto democratico. Se poi mescoli questa riflessione ad un insieme di discutibili competenze, la miscela diventa esplosiva. Il tutto “condito” con una classe politica incompetente e brava solo a rivendicare meriti inesistenti , sollecitati solo da una spasmodica ricerca del consenso utile a nulla. Le strade   ? Vi invito a vedere cosa sta accadendo alla ex Provincia. 1700 chilometri di strade lasciate in abbandono, senza risorse . La ex Provincia non è in grado non solo di pagare lo stipendio ai propri dipendenti ma neanche di pagare le sentenze esecutive ed i precetti di pagamento dei danni. Tutto perché si è andati appresso alla follia del risparmio dei costi della politica. Tutti responsabili nessuno escluso. Tutti i partiti e tutte le organizzazioni sindacali. Salvo poi fare i pentiti di turno che tuonano contro la cattiva politica. La cattiva politica di chi ?

Come avrai letto da qualche parte Italia, da vicesindaco, ha autorizzato un megabar con base in cemento armato a 10 metri dal castello di Federico II

Sulla vicenda della struttura autorizzata al castello Maniace non mi esprimo perché non la conosco nel dettaglio e sono abituato a dire come la penso, senza riserva alcuna, solo quando sono a conoscenza degli atti .

Basta un piccolo temporale per trasformare la città in una piscina all’aperto, al villaggio Miano usano i canotti e usano le pinne per andare da amici e parenti

La vicenda del villaggio Miano è scandalosa da anni. Come ex assessore alla provincia ricorda che l’ente di via malta spese oltre 5 milioni di euro per realizzare il canale di gronda. Ottima iniziativa ma solo a condizione che poi il Comune realizzasse il collegamento fognario al canale. Sono passati 10 anni e tutto è come prima.

Granata, ricordi Granata? Oggi fa l’assessore con una giunta Pd. Ti stupisce?

Granata ? Da anni Fabio Granata ha fatto una scelta di tipo “trasversale”. Non è una novità tanto che si è presentato come sindaco in uno schieramento che era diverso da quello di Reale, da quello di Italia e da quello dei 5stelle. Al ballottaggio ha fatto una scelta di alleanza con Italia. Non ci trovo nulla di strano. Sa perché dico questo  ? Da tempo anche io ho smesso di meravigliarmi. Il tempo degli steccati ideologici sono definitivamente saltati per aria. E’ un bene ? Credo di no ma è così e bisogna farsene una ragione.

Nel giro di pochi giorni sono venuti a mancare Franco Greco e Nino Giarratana

Franco Greco e Nino Giarratana. Sono venuti a mancare due figure che per i Siracusani hanno rappresentato una stagione ed un’epoca ben precisa. Non conoscevo Nino Giarratana se non indirettamente. Franco Greco è sempre stato fuori dagli schemi classici e dalle ingessature ideologiche ma sempre coerente con la sua cultura politica. Un uomo generoso che aveva deciso di seminare il campo non con gli arnesi della politica tradizionale ma con quelli della spontaneità e della sua profonda ed autentica carica umana.