Privacy Policy VINCIULLO: IL COMUNE DI SIRACUSA E L'EX PROVINCIA HANNO PERSO GIA' FINANZIAMENTI MILIONARI PER LE SCUOLE. ORA CI SONO 83 MILIONI, SCATTI SUBITO L'ALLERTA – I Fatti Siracusa

VINCIULLO: IL COMUNE DI SIRACUSA E L’EX PROVINCIA HANNO PERSO GIA’ FINANZIAMENTI MILIONARI PER LE SCUOLE. ORA CI SONO 83 MILIONI, SCATTI SUBITO L’ALLERTA

Rep: E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana  del 27/04/2018 l’Avviso Pubblico per la nuova Programmazione degli interventi in materia di edilizia scolastica per il triennio 2018 – 2020, in attuazione dell’art. 10 del D.L. 12/09/2013, n.104, convertito in legge 8 novembre 2013 n.128, avente per oggetto misure urgenti in materia di Istruzione, Università e Ricerca e per la concessione di contributi per la messa a norma e in sicurezza degli edifici scolastici. Lo comunica Vincenzo Vinciullo.Come si ricorderà, con D.L. 104, “al fine di favorire interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico di immobili di proprietà pubblica, adibiti ad aloggi e residenze per studenti universitari di proprietà degli Enti locali, nonché la costruzione di nuovi edifici scolastici, la realizzazione di nuove palestre scolastiche o di interventi volti al miglioramento delle palestre scolastiche esistenti”, le Regioni, di intesa sia con il Ministero dell’Istruzione, quanto con quello delle Infrastrutture, hanno avuto la possibilità di attivare mutui per la definizione di una programma triennale per la sicurezza degli edifici scolastici.La norma prevede anche l’intervento con un decreto da parte del Ministero dell’Economia per definire la norma per l’attivazione dei mutui e per la programmazione triennale.Adesso, ha continuato Vinciullo, la Regione Siciliana ha pubblicato l’Avviso pubblico, in modo tale che tutti gli Enti aventi diritto e, nello stesso tempo, dovere nei confronti delle studentesse e degli studenti, nonché dei docenti e del personale non docente, si possano attivare, con l’urgenza del caso, in modo da non trovarsi, al solito, privi di progettazione e quindi privi di finanziamenti e di risorse destinate alla sicurezza degli edifici scolastici.Per l’attuazione del piano triennale sono previste le risorse assegnate alla Regione Siciliana nell’ambito dell’Asse 10 Azione 10.7.1 del PO FESR Sicilia 2014-2020 cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) – azione 10.7.1 – “Interventi di riqualificazione degli edifici scolastici (efficientamento energetico, sicurezza, attrattività e innovatività, accessibilità, impianti sportivi, connettività) anche per facilitare l’accessibilità delle persone con disabilità”.Ricordo che, negli ultimi anni, gli Enti Locali della la provincia di Siracusa, cioè Comuni ed ex Provincia, sono stati una sorta di la “Cenerentola” rispetto agli altri territori siciliani non riuscendo ad ottenere contributi, anzi perdendoli, spudoratamente, senza battere ciglio e senza vergogna.Rammento, ha proseguito Vinciullo, che la ex Provincia ha perso oltre 4 milioni di finanziamenti per quanto riguarda le scuole di propria pertinenza ubicate nei Comuni di Avola, Rosolini, Siracusa, Augusta e Lentini, mentre stessa sorte hanno fatto alcuni finanziamenti concessi a scuole di primo grado di proprietà, ad esempio, del Comune di Siracusa che ha avuto vergognosamente revocato il finanziamento.L’auspicio, adesso, che si possa, con l’urgenza del caso, procedere ad attivare tutte le strategie e le procedure atte a far sì che anche gli Enti Locali del nostro territorio possano presentare progetti, in modo tale da poter usufruire, cosa che non hanno fatto negli anni passati, dei finanziamenti previsti dalla Legge.La pubblicazione di questo Avviso, ha proseguito Vinciullo, è l’ulteriore dimostrazione di come la Commissione Bilancio e il Parlamento Siciliano nella scorsa Legislatura hanno operato una programmazione idonea e rispondente alle esigenze dei siciliani, una programmazione che, adesso, comincia a dare i propri frutti positivi e, di conseguenza, l’auspicio è che anche tutti i Sindaci e, in modo particolare, quelli uscenti si possano attivare, con l’urgenza del caso, affinché possa essere data anche ai Comuni dove si vota la possibilità di usufruire di questi finanziamenti.Non vorremmo che l’impegno nella campagna elettorale li distolga da questa attività che è e deve essere primaria per chi riveste il ruolo di rappresentante di una comunità.Vorrei ricordare a tutti che le domande, debitamente sottoscritte dal legale rappresentante, dovranno essere inviate a partire dalle ore 9 del 7 maggio 2018 fino alle 14 del 20 giugno 2018, facendo presente che non sono ammesse integrazioni alle domande oltre i termini di scadenza mentre le domande inviate dopo il termine di scadenza sono considerate irricevibili.È chiaro che, ha concluso Vinciullo, ci troviamo di fronte a una ulteriore possibilità che la Regione offre agli Enti Locali siciliani e sarebbe veramente grave se anche questa volta la maggior parte degli Enti Locali siracusani dovessero perdere questo treno.