Privacy Policy PAOLO CAVALLARO: CANDIDATO? NON MI TIRO INDIETRO, MA PRIMA E' NECESSARIO UN PROGETTO SERIO DI RILANCIO PER LA CITTA' – I Fatti Siracusa

PAOLO CAVALLARO: CANDIDATO? NON MI TIRO INDIETRO, MA PRIMA E’ NECESSARIO UN PROGETTO SERIO DI RILANCIO PER LA CITTA’

Paolo Cavallaro, siamo già in piena bagarre elettorale. Qual è il tuo panorama?

Il bello della democrazia è che chiunque si può candidare. Ma il peggio di questa democrazia è che i cittadini non possono esprimere preferenze ma sono chiamati a ratificare le scelte dei partiti, dei partiti di ora, che non sono quelli di tanti anni fa dove si forgiavano idee e progetti, ma meri comitati elettorali. Anche se non dobbiamo generalizzare. Mi auguro che i partiti sappiano scegliere gli uomini migliori, quelli che sappiano meglio rappresentare gli interessi della collettività.

Ma hai una qualche notizia di questa Erga che gestisce quasi tutto (Latomie, Reimann, Artemision, teatro comunale) quello che propone il vicesindaco Italia?

Ha vinto una gara e si occupa di informazioni turistiche e visite e di aspetti legati alla biglietteria. Certo non è sufficiente per la promozione turistica dei suddetti luoghi, ma in ogni caso è stata messa una pezza. La promozione turistica richiede molto di più.

Candidato sindaco: Se c’è Garozzo non c’è Italia, s’intravede Marziano, poi una valanga di centrodestra..

Sinceramente ritengo che il centrodestra unito a Siracusa avrebbe davanti estese praterie per eleggere un proprio sindaco. Il centrosinistra, dopo il negativo bilancio di questa amministrazione non ha alcuna speranza di vincere. Il M5S non riuscirà a ripetere il buon risultato delle regionali, che sono di fatto elezioni politiche. I cittadini vogliono concreti progetti di governo della città e il M5S non ha dimostrato finora di averne.

Garozzo ha la concessione istituzionale per Cala Rossa. Ma il concessionario vero chi sarà/è?

Da quanto letto sui giornali il Comune ha ottenuto la concessione demaniale di 455 metri per la realizzazione di un solarium. Se verrà preservata la spiaggia libera non è sbagliato creare servizi per gli avventori. Dobbiamo vigilare perchè la privatizzazione delle nostre spiagge non escluda i cittadini meno abbienti dalla loro fruizione. Sarebbe bello che tutto venisse gestito dal pubblico, ma l’importante è che la spiaggia libera sia fruibile da tutti e che i cittadini possano godere di un minimo di servizi pubblici anche in accordo col concessionario.

La verità, ma ti aspettavi una gestione così del teatro comunale? Senza bando, senza direzione artistica..

Si me l’aspettavo. La gestione di un teatro richiede costi molto elevati e le entrate, senza adeguata progettazione, non sono spesso sufficienti a coprirli. È necessario realizzare economie di scala, creando collaborazioni virtuose con i vicini teatri di Catania. E aprire subito l’ex cine teatro verga. Solo collegando i due teatri si possono creare le condizioni per accedere ai finanziamenti europei e inaugurare un ampio progetto di rilancio culturale della nostra città.

Ci sono famiglie che fanno fatica per un pasto decente e il sindaco spende il fondo di riserva (che sono sempre soldi nostri) per fare aree per cani (che poi vengono abbandonate)

Le aree per cani di per sè non sono un male. Ci lamentiamo giustamente dei marciapiedi insozzati da escrementi canini e anche per questo dobbiamo creare aree di svago per i quattro zampe. Certo, sarebbe giusto che si seguisse un diverso ordine di priorità nell’utilizzo dei fondi pubblici.

Roberto Fai è disponibile a scendere in campo alle Amministrative. E Paolo Cavallaro?

Sto valutando un mio impegno attivo alle prossime amministrative, partendo dal consenso ottenuto alle regionali. Molti mi chiedono di candidarmi. Vedremo, non mi tiro indietro, ma voglio prima parlare di un serio progetto di rilancio della città e capire poi quale potrebbe essere il modo e il ruolo per potervi meglio contribuire.

Arrivano bacchettate da più parti, ma è davvero così scarsa la Soprintendenza?

Guardi da cittadino ho avvertito da sempre la Sovrintendenza come un ente distante mille miglia dai cittadini. Mi piacerebbe che fosse un ente più disponibile al confronto, con un ruolo più attivo. E’ necessario che vengano censite tutte le aree archeologiche abbandonate, individuando progetti di valorizzazione e finanziamenti. In via Regia Corte ad esempio a che serve lasciare quell’area piena di sterpaglie? Si faccia un parcheggio a servizio dell’utenza dell’Istituto Vittorini, che vive una drammatica e pericolosa condizione in tema di viabilità soprattutto negli orari di entrata e uscita degli studenti.

La tua opinione sui grillini made in Siracusa

Il M5S a Siracusa è stato fortemente premiato dal voto di protesta. Ma sul piano delle proposte amministrative per la città è quasi del tutto assente.

Per campare solo di turismo chi dobbiamo cacciare da Siracusa?

Siracusa deve scegliere il proprio futuro. Il turismo può dare enormi opportunità occupazionali. Ma dobbiamo interrogarci anche sul futuro dell’area industriale. Occorre iniziare subito le bonifiche e avviare un grande processo di riconversione industriale verso la green economy. Se le industrie non garantiscono i necessari investimenti in termini di sicurezza e prevenzione vanno cacciate via, adottando misure a difesa dei lavoratori. Va cacciato, però, anche chi non ha la cultura del bello, chi non rispetta il decoro urbano. Le bancarelle accanto al Tempio di Apollo gridano vendetta e per questo caccerei tutti gli amministratori comunali, colpevoli per omissione.