Privacy Policy "ENSEMBLE EURIDICE" OVVERO LA MUSICA CREA AMICIZIA E L'AMICIZIA CREA LA MUSICA – I Fatti Siracusa

“ENSEMBLE EURIDICE” OVVERO LA MUSICA CREA AMICIZIA E L’AMICIZIA CREA LA MUSICA

Dopo l’ultimo successo musicale con il concerto “Epifania in Musica” dell’Ensemble Euridice,  tenutosi lo scorso 6 gennaio presso il Salone “Giovanni Paolo II” del Santuario di Siracusa, incontriamo il Presidente dell’Associazione di Cultura Musicale “Euridice”, Chiara Diana.

Cos’è l’Ensemble Euridice e come nasce?

L’Ensemble Euridice nasce nell’ottobre del 2015, su iniziativa di un gruppo di giovani musicisti della provincia di Siracusa. La denominazione scelta dall’Ensemble richiama alla memoria la mitologia greca e rappresenta un omaggio allo storico Gruppo Strumentale “Orfeo” diretto dal M° Nino Cirinnà, all’interno del quale si sono formati e sono cresciuti gran parte dei musicisti che oggi la compongono. L’Ensemble Euridice, nella fattispecie, è un’orchestra di fiati siracusana che conta al suo attivo 40 giovani musicisti di età compresa tra i 16 e i 40 anni. Si uniscono ad essi per formare il gruppo numerosi alunni del Liceo Musicale “Tommaso Gargallo” di Siracusa e allievi dei Conservatori Musicali di Catania e Messina. L’orchestra di fiati è diretta dal Maestro Fausto Campisi. L’obiettivo del gruppo è quello di valorizzare e diffondere la cultura musicale strumentale nel nostro territorio attraverso la ricerca di un repertorio  eterogeneo che spazia dalla musica originale per orchestra di fiati ad arrangiamenti di brani di varie realtà nazionali ed internazionali, dallo stile classico alle sonorità jazz e swing, alle più celebri colonne sonore di film e brani di autori contemporanei. Le performances del gruppo sono il risultato di anni di studio e di ricerca dell’armonia e dell’equilibrio fra le parti, al fine di coniugare l’espressione musicale alla gradevolezza estetica. Nell’arco di questi due anni l’Ensemble Euridice ha scelto esperienze musicali particolari, come esibizioni in luoghi spettacolari della nostra città, quali:

Latomia del Paradiso per “Note sotto le stelle”, evento organizzato dalla Soprintendenza dei Beni Culturali di Siracusa;

Latomia dei Cappuccini per “Latomia in musica” evento promosso dall’Associazione Angolo di Siracusa.

Piazza antistante Tempio di Apollo per “Aperto per cultura”, evento promosso dalla Confcommercio di Siracusa

Largo Aretusa per “Clarinet in concert”, evento promosso dall’ Associazione di Cultura Musicale “Euridice” con il patrocinio del Comune di Siracusa, per la promozione e diffusione della cultura musicale strumentale sul nostro territorio.

Ha tenuto concerti in diverse Parrocchie della ns. città in occasione delle giornate FAI di primavera, del Natale, del centenario della Madonna di Fatima e del concerto dedicato a Santa Cecilia.

Si è esibita in occasione della giornata mondiale del donatore e dei 45 anni, promossi da AVIS di Siracusa

Ha partecipato al  X Memorial   Nino  Cirinnà   e si è esibita congiuntamente con la banda “Flora” di Floridia al Raduno Bandistico di Canicattini Bagni ed al memorial Maestro Latina ed ha suonato in occasione dei festeggiamenti per S. Paolo presso il Comune di Solarino.

Si è esibita al Teatro Massimo di Siracusa, nell’ambito di un evento, promosso dal Comitato Croce Rossa di Siracusa.

Ha tenuto il concerto di Capodanno presso la Sala Borsellino di Palazzo Vermexio, per un evento, promosso da Associazione Angolo di Siracusa.

“Epifania in Musica” presso salone Giovanni Paolo II, al Santuario della Madonnina delle Lacrime, concerto promosso dal Comune di Siracusa, Assessorato alle Politiche Culturali. Inoltre, in  questi due anni l’Ensemble Euridice ha anche condiviso momenti di intensa emozione come quelli del concerto di Natale 2016 dedicato ai nostri amici musicisti scomparsi prematuramente e l’esibizione in occasione della cerimonia di inaugurazione della via dedicata al M° Nino Cirinnà dal Comune di Siracusa.

Un suo ricordo del M° Cirinnà, eccellenza del territorio siracusano. In che modo la sua straordinaria carriera può dirsi viva ancora oggi, nel lavoro dei figli, in particolare della figlia Mariuccia, dei nipoti e tantissimi allievi.

Il Maestro Nino Cirinnà lo ricordo con molto affetto, perché è stato e, penso di poter parlare a nome di tutti coloro che sono stati suoi allievi, un Maestro di vita, un Maestro di musica ed un papà affettuoso. Soprattutto ci ha lasciato un messaggio importante: “Non smettete mai di fare musica, in qualunque forma e modo sceglierete di farla”. La musica come filosofia di vita per crescere ed affrontare le vicissitudini complesse della vita. Ho tanti ricordi di lui ma voglio ricordare la sua visibile felicità, essendo un uomo rigido e severo, quando con il Gruppo Strumentale “Orfeo”, avendo vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Brno, in Cecoslovacchia, un impresario giapponese gli propose una tournèe in Giappone e lui, come un padre protettivo, gli rispose che i suoi bambini erano troppo piccoli per affrontare esperienze così impegnative, però fu molto gratificato per tale proposta.  Avevamo 16 anni. Il Maestro Nino Cirinnà ha contribuito per la sua Sicilia, operando a Siracusa, alla valorizzazione di una forma strumentale, la banda musicale, dando prestigio, nelle varie realtà locali, nazionali ed internazionali con eventi, quali i raduni bandistici, concorsi per bande e concorsi per compositori di banda, ad una formazione che in passato aveva un’accezione negativa e solo militare. Oggi esistono molte realtà civili, bande ed orchestre di fiati. L’Ensemble Euridice è appunto un” orchestra di fiati e vuole mettere a frutto l’esperienza, maturata in questo settore, con il capostipite, circa 20 anni fa, e presentarla in questa società di oggi molto complessa e soprattutto nella nostra difficile realtà siracusana. La carriera del Maestro Cirinnà oggi può dirsi viva, nel nostro territorio grazie alla Scuola di Musica “N. Cirinnà” egregiamente diretta dalla figlia Mariuccia e dai nipoti, ma anche dai diversi allievi del Maestro che nei vari paesi della Provincia di Siracusa dirigono bande musicali ed orchestre di fiati, non ultima nella nostra bella città di Siracusa, la neonata orchestra di fiati “Ensemble Euridice”, diretta dal giovane Maestro Fausto Campisi

Lei è anche la Presidente di un’Associazione di Cultura Musicale “Euridice” di Siracusa.

Sono la Presidente dell’Associazione di Cultura Musicale “Euridice, un’Associazione voluta dai soci fondatori dell’Ensemble Euridice con l’obiettivo di lavorare sul nostro territorio per offrire un contributo di rinascita culturale, nella fattispecie di promozione e diffusione della musica strumentale, con la promozione di eventi specifici in programma, soprattutto per i giovani e per i nostri figli. Questo è l’obiettivo che ci poniamo anche verso la nostra Siracusa.  La nostra è una città ricca di storia ma attualmente povera di iniziative stimolanti che coinvolgano l’intera collettività e che la arricchiscano. Un ringraziamento particolare lo voglio rivolgere a tutti coloro che direttamente ed indirettamente sostengono il nostro progetto, che penso possa rappresentare un valore aggiunto per la nostra amata città di Siracusa. Vi dò un’anticipazione della futura attività dell’Associazione Euridice che ha in programma, per i prossimi mesi, oltre la programmazione di concerti dell’Ensemble Euridice in vari posti della città; anche la progettazione di due eventi particolari da svolgersi nel periodo estivo, dedicati, uno ad uno strumento musicale; l’altro, progettato, in collaborazione con un altro gruppo musicale di Siracusa, che ci vedrà apparire in una veste diversa ma interessante. Vi aspettiamo numerosi.

Da musicista ed insegnante, ma anche da mamma, perché fare frequentare ai bambini corsi di musica? E a partire da quale età, se esiste un’età consigliata.

La musica, secondo il mio modesto parere, è una disciplina speciale perché riesce a coinvolgere i bambini, già in età prenatale. Non c’è, secondo me, un’età scientifica per iniziare ad avvicinarsi a questo mondo particolare. Sicuramente, ci sono delle indicazioni scientifiche per iniziare a studiare musica. Ma quello è un discorso più complesso. Da insegnante e da mamma posso dire che l’approccio alla musica, mediante il gioco è il miglior metodo di coinvolgimento del bambino. Le mie figlie da quando avevamo quattro anni cantano in un coro di voci bianche. Al momento giusto cominceranno a studiare uno strumento o perfezionare il canto se vorranno. La musica è giusto che sia una scelta spontanea.

Cosa rappresenta la musica per lei e come questo tipo di studi, negli anni, ha cambiato la sua personalità

La musica per me ha rappresentato e rappresenta uno stile di vita, sia per le esperienze, non comuni alla maggior parte delle persone, che mi ha fatto vivere in ambienti particolari quali teatri, luoghi affascinanti, viaggi musicali, eventi straordinari; sia per le persone che mi ha fatto conoscere ed incontrare dotate di particolare sensibilità; sia per le emozioni, sensazioni che nel tempo mi ha suscitato e continua a suscitarmi. Mi ritengo fortunata per aver scelto di studiare musica e praticarla. L’orchestra di fiati “Ensemble Euridice” prima che essere formata da musicisti, è formata da un gruppo di amici cresciuti insieme nella condivisione di una comune esperienza di musica; infatti il nostro messaggio è “La musica crea l’amicizia, l’amicizia crea la musica”. La nostra amicizia ci aiuta a far crescere lo spirito di gruppo che esprimiamo mediante la musica. Auguriamo ai giovani di oggi, spesso disorientati, di trovare nella musica una giusta guida come è stato per la maggior parte di noi.

Carmen Perricone