Privacy Policy CANDIDATI E RICANDIDATI, POCHE NEWS – I Fatti Siracusa

CANDIDATI E RICANDIDATI, POCHE NEWS

Avevamo scritto la settimana scorsa: Si avvicina il tempo delle elezioni. A fine anno 2017 avranno luogo le elezioni regionali e nel 2018 (finalmente) le elezioni nazionali. Dopo 4 o 5 anni di assoluto silenzio rispetto a tutti gli eventi che hanno riguardato la città e la provincia (tanto da fare pensare che si fossero trasferiti in altra città e provincia) tornano a farsi risentire con roboanti dichiarazioni alcuni politici che vorrebbero fare ricordare di essere ancora deputati nazionali o regionali. Dichiarazioni “timide” della serie :”se dichiaro dopo tanti anni di silenzio ed inattività non credo che si incazzano e qualcuno mi insulta?”. Ma la frenesia della ricandidatura ancora una volta vince l‟eventuale pudore (sono facce a prova di bomba). Vogliamo ricordarli gli illustri onorevoli di questa provincia che hanno dimenticato in questi anni di essere deputati di questa provincia? GIAMBATTISTA COLTRARO – deputato regionale di questa provincia e della città di Augusta. Proprio ad Augusta è stato inferto un colpo durissimo: il Ministro Del Rio l‟ha depennato come sede dell‟Autorità Portuale di Augusta che viene trasferita a Catania che con Augusta non c‟entra una mazza. Ma Bianco è amico di Renzi come Del Rio ed Augusta l‟ha preso clamorosamente in saccoccia. Qualcuno ricorda una reazione memorabile del notaio Coltraro? Si è incatenato – come fece il collega Pippo Gennuso – davanti al Ministro delle infrastrutture? No, non ha fatto né questo né altro. Forse era molto impegnato nelle sue vicissitudini giudiziarie? Conclusione: non avrebbe ALCUN TITOLO PER CERCARE UNA CANDIDATURA IN QUESTA PROVINCIA. L’ASSESSORE REGIONALE BRUNO MARZIANO. La sua richiesta di diventare assessore è stata l‟impegno di anni (“quando diventerò assessore regionale…). E‟ stato da deputato regionale e da assessore di utilità per questa provincia? Risposta serena. Non è stato di alcuna utilità, anzi, la sua latitanza è stata ancora di più riprovevole in quanto stava nel tavolo del governo ed avrebbe potuto contrastare Crocetta in tante vicende dove, come nel caso di Augusta – sembra – sia stato connivente con il Ministro Del Rio. Aveva, per la verità, minacciato le sue dimissioni da assessore ma poi questa eventualità è stata dimenticata e la protesta è finita vergognosamente nel nulla. Aveva ragione Per combattere il femminicidio sono necessarie pene aspre e dure Daniela La Runa, il femminicidio non si ferma mai. Le notizie di cronaca si moltiplicano, evidentemente c’è ancora molto da fare. Purtroppo la battaglia contro il femminicidio è ancora agli inizi perché i risultati auspicati con l’introduzione del decreto contro il femminicidio non si sono purtroppo raggiunti. Io ho le mie idee molto chiare sul punto: occorre rafforzare ed inasprire il regime delle pene per eliminare il senso di impunità che molti maltrattanti e persecutori respirano. Infatti spesso e volentieri i rei continuano indisturbati le loro condotte criminose proprio perché le misure cautelari applicate sono poco efficaci o le pene sono troppo esigue e spesso anche soggette al beneficio della sospensione condizionale. Oggi si punta molto sul campo della prevenzione per il contrasto alla violenza di genere ma a parer mio ciò è insufficiente. E’ la certezza della pena e soprattutto di una pena aspra e dura che potrà fungere da deterrente e potrà contribuire ad attenuare un fenomeno che purtroppo, nonostante gli interventi legislativi , è inarrestabile. La scomparsa del giovanissimo Renzo Formosa è solo un fatto accidentale o ci sono anche altre responsabilità? Non conosco le dinamiche dell’incidente e non ritengo di poter esprimere alcuna opinione sullo stesso. La notizia della scomparsa del giovanissimo Renzo Formosa mi ha profondamente rattristata sia per la giovane vita spezzata che per l’atroce dolore che i familiari del ragazzo stanno dovendo affrontare. Purtroppo oggi mi rendo conto che c’è una completa assenza di disciplina nelle condotte di buona parte di coloro che si mettono al volante. Basti pensare all’uso indiscriminato dei cellulari mentre si è alla guida, cosa che è di una gravità assoluta. Le grandi tragedie vanno evitate e occorre fare molta prevenzione portando il tema della sicurezza stradale anche nelle scuole, così come ha fatto la Polizia stradale con il progetto “Icaro”. Ma anche in questo campo ritengo che una repressione maggiore e l’applicazione di multe sufficientemente salate per i contravventori potrebbe essere di grande aiuto per il rispetto delle regole del Codice della strada. Tutte le scuole e quindi anche quelle siracusane, per motivi diversi fanno lunghi ponti, diminuiscono di fatto le lezioni. Non è un danno oggettivo per la crescita cognitiva degli studenti? Credo che la scuola Italiana abbia perso negli anni molte delle potenzialità di cui disponeva. Io sono cresciuta a “pane e compiti”, con insegnanti dure che assegnavano appunto molti compiti soprattutto al Liceo. Ai miei tempi si andava a scuola anche il Sabato e la Domenica si studiava per il Lunedì successivo e debbo dire che sono cresciuta molto bene e con una discreta preparazione di base che molto mi ha aiutata nella vita. Di contro vedo mio figlio, che ha concluso il percorso della scuola primaria di primo grado, costretto sin dall’età di sei anni a fare orari massacranti (08-14) per un percorso di studi che vede il sabato libero, anche se non ho ben compreso nell’interesse di chi. Mi si chiede se il diminuito numero di lezioni comporti una minore crescita cognitiva degli studenti? Credo che il rapporto “causa- effetto” tra i due fattori sia così evidente che non occorra alcun ulteriore commento. Dai segnali che abbiamo avuto in questi giorni, si prospetta un’estate ingolfata dal traffico. Con il collasso di Ortigia in particolare Ci vorrebbe solo più buon senso tra i cittadini evitando di arrivare a tutti i costi in Ortigia con la macchina, per poi finire prigionieri di lunghe ed interminabili code. La nostra città è molto bella e raggiungere l’isolotto a piedi ci permetterebbe solo di apprezzarne un pò di più la bellezza. Per il resto c’è il servizio navetta. E posso dire che in più occasioni mi sono avvalsa di questo servizio che ho trovato utile e funzionante. Leggiamo di veleni al tribunale di Siracusa, lei che è un avvocato nota un’atmosfera inquinata? Già siamo costretti a respirare i miasmi della zona industriale e per fortuna nelle aule di tribunale, dove trascorro tutte le mattine, si respira aria fresca grazie anche alle ampie finestre quasi sempre aperte. Il mio lavoro di avvocata è molto settoriale e ho prevalentemente rapporti con solo una parte della magistratura inquirente, quella che si occupa delle fasce deboli e posso dire con certezza che l’atmosfera che si respira in quella porzione di corridoi è immutata. Zone balneari disastrose, come strade, come servizi, come igiene.. Il binomio estate – code interminabili per raggiungere la zona balneare- è un classico che si ripete puntualmente ogni anno. Anzi ricordo pure lavori di manutenzione stradale svolti durante il periodo estivo che hanno ingolfato e congestionato la viabilità rendendo un inferno il periodo estivo per molti siracusani che ogni anno attendono la bella stagione per approdare nella zona balneare. Ricordo anche un “raid” notturno – Russo, Culotti, Vinciullo, – per illuminare una rotatoria su viale Elorina che era totalmente al buio. Che dire? Non mi occupo di politica e non saprei da dove bisognerebbe iniziare per risolvere i problemi ma da cittadina confido in una gestione trasparente e nell’ affidamento a ditte serie per la gestione dei servizi necessari anche se mi rendo conto che sarebbe necessaria una ricetta magica per sopperire a tutte le carenze. Fra cinque mesi si vota per le Regionali.. La nomina di Crocetta a governatore venne salutata con entusiasmo da molti. Le aspettative erano alte e sono state, purtroppo, quasi tutte puntualmente deluse. Si spera che con le nuove elezioni non si replichi quanto già accaduto, anche se, a mio parere, il rischio che vincano forze politiche che possano fare addirittura peggio è molto alto. Sull’inquinamento dell’aria a Siracusa ci sono nuovi movimenti di protesta.. La situazione quotidiana vissuta da Siracusa è sotto gli occhi di tutti. Fetori insopportabili che arrivano dalla zona industriale e che di certo non giovano alla città e ai suoi abitanti; un tasso di inquinamento elevato; segnalazioni alla Procura della Repubblica da parte di numerosi cittadini. E per rincarare la dose, notizia questa che mi ha sconvolto quando l’ ho appresa, siamo pure i recettori del polverino dell’ Ilva scaricato presso la discarica Cisma di Melilli che è ad un tiro di respiro da Siracusa. Ben vengano tutte le proteste: gli interessi economici di pochi non possono prevalere sul diritto alla vita ed alla salute di tutti. La prima cosa positiva per Siracusa che le viene in mente? La potenzialità. Siracusa è una città con una immensa potenzialità artistica, storica, paesaggistica. Serve “solo” la capacità di saper sfruttare tale potenzialità. Ma la speranza non si deve perdere mai.. Enzo Bianco che l‟attuale classe dirigente siracusana non era capace di reagire per mancanza evidente di palle. Niente palle ad Augusta. Niente palle da parte di Marziano che sorriderà di questa situazione. PIPPO GENNUSO. Limita i suoi interventi (ammesso che ci siano) al suo Paese (Rosolini e, qualche volta alla zona Sud). Assente nel dibattito provinciale latitante per la vicenda Augusta (che considera non di sua competenza). Latitante complessivamente su tutti gli argomenti più rilevanti. Niente per meritare una ricandidatura se non fosse la sua costante vicinanza politica ed umana a Rosolini. Non è molto. Anzi è poco, ma è tantissimo riguardo ad altri deputati latitanti. VINCIULLO VINCENZO. Grande incarico regionale (è Presidente della Commissione Bilancio), onnipresente, interventista su tutto. Il problema è diverso: la sua carica, i suoi interventi sono efficaci, producono qualche risultato o lasciano, come si dice, il tempo che trovano? Per la verità i risultati concreti ci sono stati. Sulla vicenda Augusta ha fatto dichiarazioni feroci e fortissime ma… poi? Quale risultato ha prodotto per questa provincia? Insomma il grande impegno personale lo legittima a richiedere la candidatura per una terza legislatura? Di fronte al nullismo degli altri quello che fa Vinciullo è qualcosa. Ci sono in giro di migliori? Non credo. SORBELLO PIPPO. Legislatura complicata passata più in tribunale che alla Regione per sapere se si è deputati o no. E‟ difficile chiedere impegno da deputato quando l‟impegno principale è quello di difendersi per restare deputato. Sorbello alla fine ha prevalso e bisogna dire ad onor del vero che ha concluso bene il suo impegno. Si è battuto per i dipendenti della Provincia e Siracusa Risorse, sta facendo cose concrete per la comunità siracusana. SIMONA PRINCIOTTA PROGRESSISTA. Il suo impegno a palazzo Vermexio non è passato certo inosservato, le sue denunce hanno smosso la palude delle tre scimmiette “non vedo, non sento, non parlo”. Ha lasciato il Pd ed è rimasta bersaniana, oggi ambisce ad un riconoscimento regionale. I numeri li dovrebbe avere e forse.. Oggi aggiungiamo altri nomi. Vediamoli da vicino: CIRONE DI MARCO Non penso che si ricandidi a meno di circostanze imprevedibili. Chiude con successo la sua esperienza politica regionale, con dignità e stile. L‟ambiente regionale e l‟assemblea regionale di questa legislatura non sono e non sono state l‟ambiente adatto per Marika. Un livello politico ed umano troppo infimo perché potesse sentirsi a suo agio o stimolata. Certamente molte spanne sopra a deputati come Coltraro o Marziano o Gennuso STEFANO ZITO (M5S) Ha confermato le sue doti ed i suoi difetti. Parlamentare attento, capace ma… troppo appiattito sotto le insegne del suo Movimento 5 Stelle. Un giovane come lui poteva essere un punto di riferimento alternativo al macchiettismo di Crocetta, all‟affarismo imperante e corruttore, alla indifferenza ai problemi veri della regione e della nostra provincia. Comunque sempre meglio dl nulla o del disonesto imperante. CAFEO GIOVANNI L‟Ex capo di gabinetto di Garozzo e segretario personale storico di Gino Foti sembra voglia ricandidarsi alla Regione. Avrà l‟aiuto elettorale di Foti e l‟inimicizia elettorale di Garozzo.: basteranno a farlo diventare deputato? EDY BANDIERA Torna a ricandidarsi nella lista di Forza Italia. Le sue alternanze -fuori e dentro l‟assemblea sono note. Piuttosto: avrà Forza Italia la forza elettorale di entrare nei primi cinque (tanti sono i deputati da eleggere). Avrà Forza Italia la forza del 5% in sede regionale dopo i disastri degli ultimi anni? In sede nazionale Berlusconi naviga attorno al 10/13 %, ma in Sicilia…