Privacy Policy PRINCIOTTA-ZAPPULLA: GAROZZO HA PIU' ASSESSORI CHE ELETTORI – I Fatti Siracusa

PRINCIOTTA-ZAPPULLA: GAROZZO HA PIU’ ASSESSORI CHE ELETTORI

Scrivono l’on. Pippo Zappulla e il consigliere comunale Simona Princiotta:  Leggiamo ormai con sempre meno sorpresa e sconcerto, quasi con invincibile rassegnazione, di un continuo avvicendarsi di assessori nella Giunta Comunale. A un ritmo che sembra quello delle comiche di Ridolini, in grado di far impallidire persino il Crocetta più in forma, e che costringe questa città a un altro “primato” tutto suo: un’Amministrazione con piu’ assessori che elettori. 

 Ovviamente nulla di personale nei confronti dei nominati ma non si riesce proprio a capire se esista ancora un confine tra maggioranza e opposizione; o meglio, se c’è una maggioranza che si possa identificare come tale , e chi invece si può definire davvero all’opposizione.

E’ sempre più evidente che il nostro “renzianissimo della prima ora”, Giancarlo Garozzo, di fatto è alla guida di una giunta civica, programmaticamente camaleontica e politicamente trasformista. Il Nostro è chiaramente convinto che sia sufficiente raccattare qua e là, per puntellarsi in consiglio con maggioranza ma solo numerica: a modestissimo avviso, ciò non basta per nulla. Soprattutto quando, come in questo caso, si perde del tutto il contatto con la gente e il consenso della città.

In questo vorticoso valzer di assessori prét-à-portere e di scelte amministrative e decisioni discutibilissime su rifiuti, trasporti, acqua, impianti sportivi, e non solo, mentre le stelle “democratiche” stanno beatamente a guardare.

Ci chiediamo infatti, sommessamente ma non troppo: il Partito Democratico, provinciale e cittadino, non ha nulla, ma proprio nulla da dire?  Tra un comunicato criptico della serie “vorrei ma non posso” e sempre più “forse vorrei ma sicuramente non posso” e una riunione civetta, ci pare che Alessio Lo Giudice e Marco Monterosso siano preda della sindrome di Totò: “Mica mi chiamo Pasquale io!!” Il pd non riesce a fare l’unica cosa seria e concreta: dichiarare chiusa l’esperienza Garozzo e tirarsi fuori dalla giunta.

E’ vero che al peggio non c’è mai fine, ma ci auguriamo che al piu’ presto la città di Siracusa possa uscire da questa paludosa gestione e conquistare una vera e visibile fase di rilancio, di crescita, di cambiamento, nonchè di forte e concreta discontinuità nei programmi e nelle persone.

Sarà difficile non consegnare il governo della città alla facile demagogia e al populismo d’accatto, ma noi ci tenteremo seriamente. E lo vogliamo fare avviando da subito un confronto con quel che è rimasto del centrosinistra, con il mondo della cultura, delle forze economiche e sociali, con i cittadini.

E con il Pd? Quelli non si chiamano mica Pasquale!