Privacy Policy RAZZA: I NO VAX CI HANNO FATTO RITORNARE GIALLI – I Fatti Siracusa

RAZZA: I NO VAX CI HANNO FATTO RITORNARE GIALLI

Rep: La Sicilia torna a tingersi di giallo. La notizia, nell’aria già da due settimane a causa dell’alto numero di contagi sull’isola, è stata confermata nel pomeriggio di venerdì 27 agosto, dalla Cabina di Regia che si è tenuta dopo il tradizionale monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità. La Sicilia sarà dunque la prima Regione italiana a tornare in zona gialla, dopo due mesi di zona bianca. La prossima settimana potrebbe essere seguita dalla Sardegna, che rimane sotto osservazione dati i contagi in aumento.Si dovrà infatti indossare la mascherina anche all’aperto e nei locali si potrà stare al tavolo fino ad un massimo di quattro persone. Saranno penalizzate soprattutto le sale scommesse, che torneranno a chiudere, e le palestre al coperto, che dovranno chiudere a differenza di quelle all’aperto che rimarranno aperte. Secondo quando dichiarato dall’assessore regionale alla sanità Ruggero Razza alla trasmissione di Rai3 Agorà, la Sicilia paga il grande afflusso di turisti (l’8 per cento di presenze in più rispetto al 2019 l’ultima estate pre-pandemia) e la bassa adesione alla vaccinazione di una fetta consistente dei siciliani. L’isola è infatti tra le ultime nella classifica della percentuale dei vaccinati, di poco superiore al 55 per cento con doppia dose e del 70 per cento con una dose. “Abbiamo raggiunto ieri il 70% di prime vaccinazioni con un ritardo rispetto al resto del Paese. La Regione – ha ribadito Razza al Tgs – ha messo in campo di tutto: 200 punti vaccinali, i medici di medicina generale, le farmacie, le campagne di vaccinazione di prossimità; ma c’è una quota di cittadini che forse si sta svegliando soltanto adesso. Ci troviamo in una regione in cui una minoranza, forse perché inconsapevole e faremo di tutto per renderla consapevole, non si è ancora vaccinata, ma che non può condizionare la vita sociale della maggior parte dei cittadini che invece si è vaccinata, che vuole ritornare alla normalità, e soprattutto non può condizionare la vita economica e sociale di un territorio”.

  Salvatore Battaglia