Privacy Policy 28 MILIONI DI CHIACCHIERE: MANCANO PROGETTI, PROGETTISTI, GARE. PROTESTANO VINCIULLO E SALERNO – I Fatti Siracusa

28 MILIONI DI CHIACCHIERE: MANCANO PROGETTI, PROGETTISTI, GARE. PROTESTANO VINCIULLO E SALERNO

Rep: L’Amministrazione Comunale di Siracusa, voluta dal Consiglio di Giustizia Amministrativa, con una conferenza stampa ha strombazzato sui 28 milioni di euro assegnati al comune aretuseo, ma si è dimenticata di mostrare i progetti da realizzare. Lo dichiarano Vincenzo Vinciullo e Vincenzo Salerno. Sorgono, quindi, spontanee alcune domande: dove sono i progetti? Chi sono stati i progettisti? Si tratta di progetti o, invece, solo di idee progettuali? Esiste una traccia di questi progetti nel triennale del Comune di Siracusa? E dal momento che i progetti non esistono, hanno proseguito Vinciullo e Salerno, come verranno assegnati gli incarichi? Esiste un bando a cui tutti i tecnici potranno partecipare? Verrà fatto un bando come prevede la Legge oppure si ricorrerà, al solito, al sistema del “intuitu personae”? Questi progetti 3 / 4 anni fa potevano essere realizzati con il personale comunale interno, spendendo solo il 2%, ma non è stato così! Adesso ci sarà la corsa agli incarichi, come è avvenuto per l’edilizia scolastica, con la differenza che con questo metodo il costo aumenterà in maniera considerevole. Così, infatti, si sperpera il denaro pubblico! Non attendiamo risposte, hanno concluso Vinciullo e Salerno, perché, come sempre, dal Vermexio non hanno né il coraggio né la possibilità di smentirci. 

30 milioni lì, 40 la, ma sono solo soldi del monopoli visto che a Siracusa questa calata di migliaia di euro concretamente non arriva mai. Ricordiamo il megaprogetto di Cassibile per milioni di euro, i 5 milioni per le strade annunciati da un assessore di Garozzo e mai visti e via di questo passo in almeno altre sei occasioni che non elenchiamo per non avvilire ancora di più i nostri concittadini. Oggi i 28 milioni per Acradina, case popolari, periferie. Il sindaco del cga, e alcuni assessori della band, hanno anche fatto la conferenza stampa, ma oggettivamente riteniamo che si discuta del nulla. Le opere di cui si parla se si fa una corsa contro il tempo potrebbero (il condizionale non è un caso) forse vedere la luce nel 2023. Mancano i progetti, mancano i progettisti, la necessaria conferenza dei servizi, le scelte politiche, le gare pubbliche sia per i progettisti che per le opere, manca tutto, in sostanza non mancano solo le chiacchiere. Tipico di un sindaco e di una giunta nulliste allo stato puro che cercano ogni giorno di prendere per i fondelli i siracusani.