SI RISCOPRONO AMBIENTALISTI I VIOLENTATORI DEL CASTELLO MANIACE

Certo che fa una certa impressione sentire Italgarozzo parlare di alto valore paessaggistico per dire no ad un impianto fotovoltaico in una zona dove insiste il nulla. Cioè a fare gli ambientalisti da riporto sono due come Francesco Italia e Giusy Genovesi che votarono insieme in commissione Ortigia l’orribile bar davanti a castello Maniace. Non solo, ma Italgarozzo ha sempre difeso e difende di fatto (lasciamo stare le parole che per lui non hanno nessun valore)  questo aborto della natura che ha brutalizzato un monumento apprezzato in  mezzo mondo. Lo ha “apprezzato”  di fatto tutta la Giunta, col vicesindaco Randazzo che nasce politicamente per lo sviluppo sostenibile di Ortigia per poi alzare le mani per conservare la poltrona davanti ad uno sfregio come il bar astronave, e solo  per un  pelo quelli della Italgarozzo Band non  stravolgono anche la vecchia spiaggetta a servizio del maniero. Ha apprezzato lo sgorbio al Maniace anche Fabio Granata che ama i beni culturali a secondo della personale convenienza del momento, tanto è vero che per lui il bar del Maniace era una piccolezza, una sciocchezza che non era nell’agenda di chi amministra e cioè lui e Italgarozzo nel complesso. Oggi, tutti questi violentatori di beni culturali sono lì a fare la ruota del pavone del bravo ambientalista per l’alto valore paesaggistico della Siracusa-Canicattini. Certo, la malafede è evidente e sollecita un sorriso amaro.  Che facce toste!