Privacy Policy PROTESTA IL COMITATO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ECCO TUTTO QUELLO CHE NON FANNO COMUNE E TEKRA, IL CAPITOLATO IGNORATO QUASI PER INTERO. UN DISASTRO! – I Fatti Siracusa

PROTESTA IL COMITATO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ECCO TUTTO QUELLO CHE NON FANNO COMUNE E TEKRA, IL CAPITOLATO IGNORATO QUASI PER INTERO. UN DISASTRO!

Ecco la lettera aperta inviata agli amministratori comunali dal Comitato per la raccolta differenziata:

Il Comitato per la raccolta differenziata e la qualità del servizio erogato dal soggetto gestore, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 4, comma 1, lettera n) della L.R. 8 aprile 2010, n. 9 istituito con DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE  N. 213 DEL 30 OTTOBRE 2017, in riferimento al contratto di affidamento del servizio di spazzamento, raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati

Chiede

  • L’immediata convocazione, da parte dell’Amministrazione, di una o più assemblee aperte con la finalità di aggiornare la cittadinanza, rispetto ai risultati raggiunti e alla tempistica dello “startup”  per il completamento della distribuzione delle attrezzature, ritiro dei cassonetti e avvio del nuovo servizio.  Si leggono notizie dagli organi di stampa ma sul sito del Comune  invece non si trovano informazioni aggiornate e molti riferimenti sono fuorvianti
  • Di essere portati a conoscenza dei controlli eseguiti in merito all’ esecuzione dei servizi e che questi report vengano pubblicati (anche in forma sintetica) affinchè la cittadinanza sia continuamente informata.
  • L’incremento del numero dei CCR fissi  dagli attuali 2 a 5 e il ripristino, presso i medesimi, della raccolta dei farmaci scaduti, delle bombolette di gas, dei toner e cartucce, degli inerti e degli oli esausti
  • L’avvio  immediato dei 2 CCR mobili in città e fuori città, mattutini e pomeridiani, garantendo la presenza di un addetto in grado di pesare i materiali differenziati come previsto nell’allegato 16 del capitolato.
  • l’organizzazione della raccolta degli sfalci nella zona sud della città. Si suggerisce di istituire il cassone per gli sfalci con date fissate. Il servizio è sottodimensionato è da già dei problemi . https://www.siracusaoggi.it/siracusa-sfalci-di-potatura-multe-con-le-fototrappole-servizio-e-pero-sottodimensionato/

6) Al fine di registrare all’anagrafica fiscale il maggior numero possibile di utenze, di   incrociare le utenze domestiche per individuare chi elude la TARI

7) Di avviare le procedure di legge (regolamento e ambiti di intervento) per attivare il            Baratto Amministrativo al fine di far compensare lo scaduto di chi non arriva a pagare la          TARI facendogli svolgere lavori socialmente utili.

Segnala

  • che i carellati presenti nei condomini sono, a volte, utilizzati da persone di passaggio che non conferiscono come dovrebbero , questo causa, da parte del Gestore, un richiamo e/o una multa ai condomini/ristoratori. Si potrebbe far utilizzare dei lucchetti oppure utilizzare le fototrappole acquistate dal Comune come dissuasori oppure ,ancora, incentivare l’acquisto di videosorveglianza da parte dei condomini.
  • La necessità di programmare, con urgenza, i servizi estivi e in particolare :
  1. A) Pulizia litorali e spiagge

Il servizio, secondo il capitolato pag 6, dovrà essere attivato dal 25 aprile e deve prevedere:

  • La rimozione, bonifica e pulizia di tutto il litorale rientrante nel territorio della costa
  • La pulizia a giorni alterni
  • installazione di kit completi per la raccolta differenziata (n. 1 Kit ogni 250m. ), provvisti di sacchi (trasparenti)
  1. B) Pulizia area portuale e annessi parcheggi

Il servizio, secondo il capitolato pag 7 e l’Allegato n. 18, prevede che l’I.A. dovrà provvedere all’ istallazione entro fine marzo  di 2 isole ecologiche per la raccolta di olio , batterie , cassette e della  raccolta differenziata nonché della pulizia, con la frequenza dell’area portuale e dei parcheggi pubblici adiacenti.

Si fa presente che in assenza di questo servizio  a porto Lachio, Banchina Mazzini, ma anche allo sbarcadero Santa Lucia (Porto Piccolo), i diportisti e pescatori saranno costretti a disfarsi del rifiuto prima di rientrare in Porto.

 

Rispetto al Capitolato Speciale di Appalto (CSA) molte sono le cose che non sembra il Gestore stia eseguendo a dovere, tra cui:

pulizia delle fontane monumentali,  pulizia delle caditoie, la rimozione delle scritte, rimozione gomme da masticare, siringhe ed escrementi,

la rimozione degli abbandoni di amianto, la disinfestazione e la derattizzazione,  il decespugliamento,  la rimozione di animali morti,

il lavaggio delle strade,   l’ installazione dei cestini e dei kit raccolta deiezioni canine.

 

Siracusa 10 aprile 2019                     Il Presidente del “Comitato città di Siracusa per la raccolta differenziata e la qualità del servizio erogato dal soggetto gestore”

Salvatore Russo