Privacy Policy LA FIBRA DISTRUGGE VIA GROTTICELLE CHE ERA STATA APPENA RIPAVIMENTATA, MA ORMAI E' TUTTA LA ZONA ALTA CHE SEMBRA BOMBARDATA – I Fatti Siracusa

LA FIBRA DISTRUGGE VIA GROTTICELLE CHE ERA STATA APPENA RIPAVIMENTATA, MA ORMAI E’ TUTTA LA ZONA ALTA CHE SEMBRA BOMBARDATA

Rep: “La consapevolezza di esser stato buon profeta già dallo scorso mese di febbraio in questa occasione non mi da alcuna gioia, visto lo stato pietoso in cui versa via Necropoli Grotticelle dopo i lavori di posa dei cavi in fibra ottica”. Ad intervenire è l’avvocato Giuseppe Culotti, presidente della circoscrizione Neapolis. “Fa male vedere un’arteria così importante e trafficata, per la quale il sottoscritto si è battuto insieme all’intero consiglio di circoscrizione Neapolis  riuscendo a far finanziare anche i lavori di rifacimento del manto – prosegue Culotti – ferita e rattoppata in maniera superficiale dopo gli invasivi lavori di posa dei cavi in fibra ottica”. “Ancora una volta, in nome e per conto dei cittadini residenti e non che tutti i giorni attraversano via Necropoli Grotticelle e che sono vittime inconsapevoli di una sorta di “trimestre bianco” pre-elettorale nel quale neppure l’attività ordinaria viene svolta ormai con regolarità – conclude il presidente Culotti – rinnovo con forza l’appello agli uffici competenti e alla componente politica di questa amministrazione ancora in carica affinché vigilino sui lavori e impongano il rifacimento a regola d’arte delle aree interessate dagli scavi”.

Sin qui il comunicato  di Culotti. La fibra in effetti sta sfasciando tutta la zona alta della città, senza soluzione di continuità, senza programmazione alcuna, senza nessun controllo dell’ufficio tecnico del Comune. Insomma, siamo allo sfascio più totale con la Garozzo Band che fa finta di ignorare tutto quello che comporterebbe un minimo di lavoro anche per un mediocre amministratore. Gli operai della fibra poi che dirigono il traffico con paletta verde e rossa mettendo a rischio la vita di tanti padri di famiglia,  non si possono vedere. Ma davvero nessuno si vergogna?