Privacy Policy IL CANDIDATO SINDACO GIOVANNI RANDAZZO INCONTRA LE ASSOCIAZIONI DEL TERZO SETTORE – I Fatti Siracusa

IL CANDIDATO SINDACO GIOVANNI RANDAZZO INCONTRA LE ASSOCIAZIONI DEL TERZO SETTORE

Rep: Ieri nella sede dell’Arci, Giovanni Randazzo, candidato sindaco per le prossime elezioni amministrative del 10 giugno, ha incontrato esponenti di diverse associazioni cittadine (Stonewall, Arci, Amnesty International, Astrea, Centro Solidarietà Compagnia delle Opere, Comitati Studenteschi e singoli promotori di iniziative culturali) che operano nel Terzo settore e che costituiscono un’ingente forza a fianco dei più bisognosi o promuovendo un’intensa attività culturale. “Siete una grande ricchezza per la città – ha esordito Randazzo rivolgendosi a quanti numerosi hanno partecipato all’assemblea – e ciò che io auspico è che si possa instaurare una solida intesa fra tutte le associazioni; una solidarietà che grazie anche ad un impegno mirato all’applicazione del nuovo codice del terzo settore possa produrre risultati concreti”.

Trasparenza, controllo e vigilanza, valorizzazione dei principi di gratuità, democraticità e partecipazione, fiscalità promozionale a sostegno dell’associazionismo e delle imprese sociali, l’istituzione del Consiglio nazionale del Terzo settore, sono i capisaldi della nuova normativa che definisce vincoli e finalità degli enti.  “La mia specialità è il diritto amministrativo – ha precisato l’avvocato Giovanni Randazzo – e da sindaco, mi impegnerò, grazie alla mia esperienza, per un reale miglioramento della macchina amministrativa”.

Mancanza di fondi, di spazi, di organizzazione, spesso impediscono risultati ottimali e produttivi, e così si è costretti a far fronte alle difficoltà fidando sulle proprie forze e sull’abnegazione del volontariato.  “In attesa dei decreti attuativi per il Terzo Settore – sostiene Giovanni Randazzo – è necessario promuovere convenzioni e protocolli d’intesa per le associazioni, procedere ad una mappatura degli spazi e locali messi a disposizione dal Comune e attraverso una ottimizzazione delle mansioni dei 720 dipendenti comunali”.

 

 

 

Condividi questo Articolo