Privacy Policy COL DRONE FACEVA RIPRESE ALLE SALINE DI PRIOLO DISTURBANDO I FENICOTTERI ROSA – I Fatti Siracusa

COL DRONE FACEVA RIPRESE ALLE SALINE DI PRIOLO DISTURBANDO I FENICOTTERI ROSA

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo sono intervenuti presso la Riserva Naturale Orientata Saline di Priolo G. ove era stato notato un drone sorvolare l’area naturale, al momento interessata dalla presenza dei fenicotteri rosa nella delicata fase di nidificazione. La presenza del drone in volo a bassa quota ha determinato notevole disturbo nonché la fuga di alcune specie protette presenti nella salina. I Carabinieri di Priolo G., individuato il pilota del drone hanno intimato l’immediata cessazione del sorvolo nonché disposto il sequestro della scheda di memoria della videocamera installata sul velivolo. Giova ricordare che sull’intera riserva naturale orientata vige il divieto di sorvolo aereo emanato dall’E.N.A.C. Al termine degli accertamenti, il responsabile è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria per maltrattamento di animali.

Apprezzamento della Lipu sull’operato dei Carabinieri.

In relazione al comunicato stampa trasmesso dal Comando Provinciale dei Carabinieri in merito al disturbo arrecato alla colonia nidificante di Fenicottero presso la Riserva Naturale Saline di Priolo, unico sito di nidificazione per la specie di tutta la Sicilia, di seguito si trasmettono le dichiarazioni del Presidente Nazionale della Lipu e del Direttore Generale della Lipu: “Apprezziamo il rapido intervento dell’Arma dei Carabinieri che ha consentito di denunciare il soggetto che utilizzava il drone senza le dovute autorizzazioni. In questo momento delicato della nidificazione di specie selvatiche protette come il fenicottero e in piena migrazione primaverile qualsiasi azione di disturbo alla fauna può rappresentare una minaccia del delicato equilibrio della Riserva – commentano Fulvio Mamone Capria, Presidente e Danilo Selvaggi, Direttore Generale. Un grazie al Direttore della Riserva e a tutto il personale Lipu che, conducendo monitoraggi e osservazioni hanno prontamente denunciato il sorvolo illegale del drone ai componenti della Stazione dei Carabinieri di Priolo, e al Comando provinciale dell’Arma per la sensibilità dimostrata nei confronti di un’area naturalisticamente molto pregiata.”