Privacy Policy SORBELLO, VINCI E ZAPPALA' DICONO NO AI PARCHEGGI PUBBLICI DA AFFIDARE AI PRIVATI – I Fatti Siracusa

SORBELLO, VINCI E ZAPPALA’ DICONO NO AI PARCHEGGI PUBBLICI DA AFFIDARE AI PRIVATI

Rep:

I consiglieri comunali Salvo Sorbello, Cetty Vinci e Franco Zappalà hanno rivolto un’interrogazione all’Amministrazione per conoscere i motivi che hanno indotto la Giunta municipale a dare, nei giorni scorsi, mandato al dirigente del settore mobilità e trasporti del Comune di “individuare un nuovo modello di gestione dei parcheggi pubblici”.

“Nella delibera – affermano Zappalà, Vinci e Sorbello – vengono elencati disservizi e problematiche che un Comune come il nostro, che può contare su svariate centinaia di dipendenti (e potrebbe benissimo assumerne o riqualificarne altri per servizi come questo, produttivo e remunerativo), è certamente in grado, se lo vuole davvero, di affrontare e di risolvere.

D’altro canto, ci sembra che proprio il Pd nel passato sia sempre stato di questo parere, anche alla luce dei consistenti introiti di liquidità che arrivano al Comune dai parcheggi e che sono preziosissimi, in fasi di difficoltà economica come quella che stiamo attraversando.

Si porti subito la questione in consiglio comunale – concludono i tre consiglieri che fanno parte di un gruppo consiliare unico – dove ancora si devono incredibilmente esaminare il conto consuntivo dell’anno scorso e quello preventivo del 2017, indispensabili per poter compiere scelte davvero oculate che riguardano le casse comunali”.

 

Per la Garozzo Band i parcheggi pubblici ai privati era praticamente cosa fatta. Non erano infatti previste contestazioni di nessun tipo, insomma tutto era stato preparato a puntino, le proteste della gente, dei turisti, l’impossibilità a governare questi parcheggi da parte del Comune, la scarsezza del personale. Non erano previste le proteste dei consiglieri comunali che salgono a quota sette con l’interrogazione presentata oggi dall’opposizione. Il sentore di campagna elettorale è sempre più forte. Coi parcheggi ai privati assunzioni, fondi da spendere etc etc