Privacy Policy MA CI POSSIAMO FIDARE DI UNO COME CANCELLERI CHE HA ASSUNTO 30 ATTIVISTI GRILLINI COI SOLDI DELLA REGIONE? – I Fatti Siracusa

MA CI POSSIAMO FIDARE DI UNO COME CANCELLERI CHE HA ASSUNTO 30 ATTIVISTI GRILLINI COI SOLDI DELLA REGIONE?

Rep:
Voglio portare all’attenzione del vostro giornale questo articolo di Repubblica che spiega chi sono i grillini siciliani:
“IL CASO più eclatante è quello del movimento 5Stelle. Qui, con le nuove regole della spending review all’Ars, i collaboratori esterni sono passati da 12 a 26. I nuovi, alcuni con contratti part time, sono soprattutto avvocati o laureati in Giurisprudenza. Già, perché se fin dall’inizio della legislatura i parlamentari grillini avevano assunto dodici collaboratori esterni con contratti subordinati, pagandoli con i 2.400 euro mensili (a deputato) destinati secondo le vecchie regole al funzionamento del gruppo parlamentare, adesso con i soldi per i portaborse (altri 3.180 euro al mese per deputato, garantiti sino alla fine della legislatura) hanno allargato il cerchio.
“Allora – dice il capogruppo Giancarlo Cancelleri – abbiamo chiesto ai nostri sostenitori di poter utilizzare i fondi dei portaborse per rafforzare l’ufficio legislativo e il lavoro nelle commissioni e per rispondere alle continue sollecitazioni che riceviamo dai cittadini”.
Fatto sta che adesso, a sentire i malevoli, nelle stanze dei grillini all’Ars sono più i collaboratori che le sedie. Rafforzato l’ufficio stampa con l’ingresso di Maria Chiara Graziano, ma anche l’area legislativa con una decina di avvocati o laureati in Giurisprudenza provenienti da tutta la Sicilia. Tra questi, Loriana Muncibì, classe 1982, di Gela e per anni avvocato a Piacenza, assunta direttamente dal capogruppo Cancelleri. Mentre è rientrata al gruppo 5Stelle Samantha Busalacchi, attivista storica del Movimento, prima assunta nell’ufficio di presidenza con Antonio Venturino e che torna a occuparsi della segreteria.
Proprio con Venturino, in aula, si è consumato un botta e risposta dai toni aspri. A iniziare è stato il vice presidente dell’Ars che l’anno scorso ha lasciato in polemica il movimento di Grillo. “Anche i grillini hanno speso soldi per i portaborse – ha detto Venturino durante la discussione sul bilancio interno dell’Assemblea – Loro utilizzano 3.180 euro a deputato, di questo però non parlano mai…”. Immediata la replica del capogruppo di M5S Cancelleri: “Aveva promesso ai cittadini di restituire parte della sua indennità. Finché non lo farà non siamo disposti a prendere lezioni da lui”. E oggi Venturino ha rincarato la dose: i portaborse che “i grillini si sono affrettati ad assumere e contrattualizzare entro il 31 dicembre 2013 sono ben 26 tra vecchi e nuovi. Mi viene naturale chiedere con quali soldi vengano pagati, se con il bilancio che ieri hanno populisticamente criticato davanti alle telecamere o con soldi che arrivano da altri bilanci? Quando si fa le verginelle della politica, occorre intanto avere la coscienza pulita e mi pare evidente che non sia così dato che al loro seguito ci sono più portaborse che deputati”.
I contratti dei nuovi assunti? Cocopro da 1.400 euro netti al mese. Una cosa è certa: la legge sul controllo della spesa del Parlamento votata qualche settimana fa all’Ars e che garantisce i contratti in corso al 31 dicembre, ha aperto la corsa alle nuove assunzioni un po’ in tutti i gruppi parlamentari: dall’Udc all’Mpa, dal Pdl al Pd ad Articolo 4. E questo nonostante il Parlamento siciliano sia l’unico in Italia che può contare su 85 collaboratori interni fissi”.
Ma di cosa stiamo parlando? Assunti attivisti grillini pagati con fondi pubblici e con giustificazioni ridicole. Oggi sono arrivati a 35 assunti, sempre pagati coi soldi miei e degli altri siciliani. Traccheggi traccheggi traccheggi, peggio degli altri visto che vogliono spacciarsi per deputati che restituiscono i soldi pubblici. Un falso, ripetuto come un mantra. E il geometra Cancelleri di Caltanissetta che fa assunzioni personali a Gela, ne vogliamo parlare?
Antonio Saracino

In sostanza il signor Cancelleri, candidato a governatore dei Cinque Stelle ha utilizzato fondi pubblici, e quindi anche dei cittadini e quindi anche nostri, per assumere 30 attivisti grillini dal 2012 ad oggi alla Regione. Cioè predica bene ma razzola male. Se diventa governatore che fa, assume 300 0 3000 grillini sempre coi nostri soldi?