Privacy Policy VINCIULLO: PERSI I 7,5 MILIONI PER SIRACUSA. DIMETTEVI, AVETE DISTRUTTO LA CITTÀ – I Fatti Siracusa

VINCIULLO: PERSI I 7,5 MILIONI PER SIRACUSA. DIMETTEVI, AVETE DISTRUTTO LA CITTÀ

Leggiamo la risposta dell’Assessore al ramo che, così come aveva fatto il 16 febbraio, contesta le nostre dichiarazioni!!!

A 5 mesi da quel comunicato, la storia ha dimostrato che noi avevamo ragione e l’Assessore, purtroppo, aveva torto marcio, avevamo sperato un esito diverso. Lo dichiarano l’On. Vincenzo Vinciullo, Presidente della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’ARS ed i Consiglieri Comunali Salvatore Castagnino e Fabio Alota.

Questa Amministrazione Comunale, che passerà alla storia per aver già fatto perdere il finanziamento per la costruzione del nuovo ospedale di Siracusa, passerà anche alla storia per aver fatto perdere i fondi per la riqualificazione, non solo delle case popolari di viale dei Comuni, ma di tutta la zona, compresa la costruzione della palestra della scuola di via Calatabiano, ma queste cose, evidentemente, all’Assessore non le avranno dette.

Gli avranno sicuramente preparato questo comunicato stampa che dimostra assoluta incapacità di comprendere cosa sta succedendo, ricordando sempre allo stesso che noi, hanno proseguito Vinciullo, Castagnino e Alota, prima di aprire la bocca, ci siamo sempre ampiamente documentati, perché le problematiche della città le seguiamo e non le apprendiamo per caso.

In tutta questa vicenda, caro Assessore, patetico è il suo comunicato stampa e il rifarsi al Dirigente Generale del Dipartimento Pianificazione Strategica dell’Assessorato regionale della Salute, che le avrebbe garantito, ma mai messo per iscritto, il finanziamento del nuovo ospedale di Siracusa.

Saremo curiosi di sapere, hanno continuato Vinciullo, Castagnino e Alota, come fa un Dirigente regionale, che, fra l’altro, fra poco andrà via dalla Regione, a garantire su un finanziamento statale, quando l’Assessore di riferimento dello stesso Dirigente Generale ha, con il Decreto Assessoriale 1147/2016, predisposto dal medesimo Dipartimento regionale per la Pianificazione Strategica, decretato la perdita del finanziamento del nuovo ospedale di Siracusa, ma ciò, al momento, ci riguarda solo per il drammatico epilogo finale.

In questa vicenda, invece, ci interessa contestare le dichiarazioni insensate ed inesatte dell’Assessore e riportare la verità, in quanto la ricostruzione operata dall’Assessore, in ordine alle responsabilità legate alla redazione della variante urbanistica, i cui ritardi costituiscono, a suo dire, la causa della perdita del finanziamento, è totalmente fantasiosa, e questo per voler essere buoni.

In particolare, è necessario fare osservare quanto segue:

  1. non risulta in nessuna parte del bando di selezione delle imprese private, pubblicato dal Comune di Siracusa, che l’IACP di Siracusa era obbligato a redigere la predetta variante;
  2. l’accordo stipulato in data 13/03/2013 dal Commissario Straordinario del Comune di Siracusa Dott. Alessandro Giacchetti e dal Commissario Straordinario dell’IACP di Siracusa Ing. Nazzareno Mannino all’art. 4 stabiliva espressamente: inoltre il Comune di Siracusa è onerato della redazione della variante al PRG finalizzata a rendere compatibili le attuali destinazioni d’uso con gli obiettivi del Programma Integrato
  3. L’IACP di Siracusa, dopo tre anni di inerzia da parte dell’Amministrazione Comunale di Siracusa, per evitare il rischio concreto e certo di perdere il finanziamento, ha deciso, bontà sua, di farsi carico della redazione della variante. Questo non comportava però, come è evidente, un trasferimento delle responsabilità sui ritardi accumulati dal Comune, ma solo un tentativo generoso di supplire alle gravi mancanze del Comune.

Dopodiché, potete fare tutti i ricorsi che volete. Sicuramente sarà nominato qualche luminare in grado di perdere anche questo ricorso, anche perché è evidente che non vi sono i presupposti, dati i numerosi avvertimenti che la Regione aveva fatto, sia chiaro, al Comune di Siracusa, di vincere il ricorso

Ciò posto, la invitiamo, con la modestia che ci contraddistingue, hanno concluso Vinciullo, Castagnino e Alota, a leggere nel Libro dell’Esodo dove si racconta dell’uscita degli Ebrei dall’Egitto, l’ottava piaga, quella relativa all’invasione di cavallette/locuste (Es10,1-20), vedrà che nemmeno le cavallette riuscirono a fare tanto danno all’Egitto quanto voi ne state facendo alla città di Siracusa.