STEFANIA PRESTIGIACOMO: DOBBIAMO VIGILARE SUL NUOVO OSPEDALE E SULLA CAMCOMMERCIO

Stefania Prestigiacomo sei riuscita con la tua tenacia, insieme ad alcuni del centro destra aretuseo, a far ottenere a Siracusa il nuovo ospedale di secondo livello. Oggi è stato presentato un ricorso, c’è uno stallo e l’attuale commissario, il prefetto Scaduto, potrebbe lasciare Siracusa 2022. E’ un allarme?

Non ho mai pensato che la battaglia fosse già vinta nel momento in cui sono riuscita a far passare in Parlamento l’emendamento sul nuovo ospedale. Quello è stato l’inizio, essenziale ma solo l’inizio. Adesso si deve vigilare e seguire passo passo l’iter che il commissario sta portando avanti. C’è un ricorso? Era inevitabile, accade in tutte le opere pubbliche, ma il regime commissariale è stato adottato proprio per evitare che i progetti si impantanino e vengano rinviati sine die. Ho fiducia nel Prefetto Scaduto. Se dovesse lasciare Siracusa, e spero che ciò non accada, ci sarà un alto commissario a raccoglierne il testimone.

Sei riuscita anche a ridare dignità alla CamCommercio di Siracusa finalmente sfuggita al tallone etneo e al ruolo di parente povero dell’aeroporto di Fontanarossa.

Sono orgogliosa di questo risultato e le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito confermano che restituire dignità e autonomia a Siracusa e Ragusa ha scompaginato giochi economici e giochi di potere in cui il nostro territorio era soltanto spettatore e portatore di acqua, di quote, di voti. Ma anche qui occorre vigilare perché chi dava le carte della Supercamera di Catania appare molto restio ad applicare una legge della Repubblica.

Ti sarai accorta che la chiusura improvvisata di Ortigia ha causato un danno di notevoli dimensioni al nostro turismo che stava appena provando a riprendersi

Io non sono contraria in linea di principio alla pedonalizzazione di Ortigia. Ovviamente una misura drastica come quella adottata andava accompagnata con la predisposizione di un sistema di trasporto urbano che rendesse il centro storico fruibile anche per i siracusani e non solo per i turisti. Mi spiego meglio. Non puoi adottare un modello di sviluppo in cui Ortigia diventa la disneyland del commercio, dell’intrattenimento, della ristorazione di ogni tipo e poi di fatto cacciare i siracusani dall’isolotto. Il sistema-Ortigia può reggere senza i siracusani forse ora ad agosto che siamo pieni di turisti, ma poi? Di cosa vivranno le centinaia di negozi e ristoranti in un quartiere abbandonato dai sitacusani? Si è passati da un eccesso a un altro.

Ci hai provato a fare inserire il Ponte sullo Stretto nei famosi fondi europei. Il tuo emendamento non ha avuto fortuna. Rinunci? I grillini restano nemici dichiarati? Perché si deve fare il Ponte?

Non rinuncerò mai a battermi per il ponte sullo stretto che ritengo un’opera strategica per la Sicilia e per il paese, il presupposto per una reale coesione territoriale oltre che un incredibile volano di sviluppo. Senza il ponte il trasposto ferroviario non potrà mai decollare in Sicilia. Col ponte e l’alta velocità si potrebbe raggiungere Roma in poche ore, come accade oggi da Salerno a Milano. I grillini? Hano già rinunciato alla Tap, alla Tav, al doppio mandato, al divieto di allearsi, allo streaming delle riunioni, sono diventati moderati ed europeisti. Sono fiduciosa cambino idea anche sul ponte

 In Sicilia la campagna acquisti della Lega non conosce freni. Manca all’appello solo il sindaco del cga, anche se già ti ritrovi alleata di Cafeo…

Semmai mi ri-trovo alleata di Cafeo che stimo, infatti quando l’onorevole era giovane mi pare militasse nel centrodestra… Ormai è cosi.