LA GRANDE MANIPOLAZIONE DI PD, GRILLINI E CGIL-CISL-UIL SULLA SANITA’ A SIRACUSA

A Siracusa siamo veramente messi male visto che “si fa pessima politica” e per farla non importa se si manipola la verità. Protagonisti in negativo il sindacato, i sinistri e i grillini che ritornano a strumentalizzare la sanità nonostante siano freschi di batosta all’Ars con la censura da loro voluta e rigettata con disdoro dal parlamento siciliano. Ma partiamo dalla puntata di oggi, dalla nuova sortita del sindacato. Leggiamo: “Cgil Cisl Uil, insieme all’Ordine dei medici, all’ Ordine degli infermieri, al Partito Democratico, ad Art.1, al Partito di Rifondazione Comunista, al movimento cittadino Lealtà e Condivisione, all’Anci Sicilia, al movimento Siracusa Protagonista inviano al Prefetto di Siracusa, al Direttore dell’ Asp, all’Assessore regionale alla Salute Razza, al Governatore della Sicilia Musumeci, al Ministro della Salute Speranza e al Presidente del Consiglio Conte, un articolato Documento condiviso dal titolo: Criticità e riorganizzazione del sistema sanitario di Siracusa.  L’attenzione posta sul tema, già durante l’incontro del 4 dicembre promosso da Cgil Cisl e Uil e che ha visto la partecipazione e il contributo oltre a tutti i soggetti citati prima, del Sen. Giuseppe Pisani e degli Onn. Maria Marzana, Paolo Ficara, Filippo Scerra e dei deputati Regionali Onn. Stefano Zito, Giorgio Pasqua, Rossana Cannata, Giovanni Cafeo in un clima di grande collaborazione, sia pure con un portato di sensibilità plurali e diverse, ha inteso focalizzare criticità e prospettive di cambiamento alla luce del preoccupante scenario epidemiologico in corso e delle prossime iniziative sanitarie. “L’iniziativa promossa da sindacato unitario del 4 dicembre scorso, – dichiarano Roberto Alosi, Vera Carasi e Luisella Lionti rispettivamente Segretari Generali della Cgil, della Cisl e Commissario straordinario della Uil – per la partecipazione e la pluralità degli intervenuti, costituisce un precedente in termini di metodo di lavoro e di confronto straordinariamente importante e replicabile anche per altre questioni in campo. Il Documento conclusivo, che pure registra la mancata sottoscrizione da parte dei Deputati, che comunque ringraziamo per la disponibilità dimostrata, per la presenza all’ incontro e per il fattivo contributo dato alla discussione, costituisce un punto di sintesi delle criticità del Sistema Sanitario siracusano da più parti individuate e delle proposte emerse e condivise durante la riunione.”

Questa la nota di Cgil, Cisl e Uil che è appunto “una manipolazione della verità”. Il 4 dicembre scorso infatti il sindacato siracusano “che fa pessima politica” promuove formalmente un incontro sulla sanità a Siracusa e in Sicilia. Invita associazioni, deputati, i partiti di sinistra. Dopo l’incontro Cgil, Cisl e Uil scrivono una nota dove piazzano la prima manipolazione. Leggiamo: “Documento bipartisan sulla sanità siracusana condiviso dal sindacato unitario, dalle intere Deputazioni Nazionale e Regionale siracusane”. E’ una bugia! Gli onorevoli Prestigiacomo e Cannata non condividono per nulla. Anzi la puntualizzazione della Cannata è perentoria: “Ho detto chiaramente che il testo del documento sulla sanità così come presentato non lo condivido anche perché il problema innanzitutto è nazionale e dunque il documento va ricalibrato. Il loro pensiero è chiaro che non è il nostro. O  lo cambiano o  resta solo  il documento della sinistra e dell’opposizione”.

C’è di più, il documento voluto dal sindacato è stato scritto solo dal sindacato probabile collaborante qualche recente epurato Asp, come dire che ai deputati è stato presentato il compitino già fatto e cioè un documento politico contro il governo Musumeci, contro l’assessore Razza e per ricaduta contro l’attuale direttore generale dell’Asp di Siracusa. Leggiamo uno stralcio: “Le gravi criticità emerse nella gestione sanitaria provinciale e regionale dell’emergenza in corso, anche alla luce delle notizie allarmanti pubblicate negli ultimi giorni, ci induce a promuovere un documento condiviso di analisi e proposte – dicono Cgil, Cisl e Uil –“. Insomma, Pd e sinistri in genere più gli inesistenti deputati grillini sparano a pallettoni contro il governo Musumeci e il sindacato, ahimè, è di fatto arruolato solo per sostenere la loro tesi. Una pagina davvero brutta per la sanità siracusana e una pagina davvero brutta per il sindacato siracusano, che pure ha avuto negli anni esponenti di assoluto prestigio, oggi ridotto a ruota di scorta di una malapolitica che è davvero inquietante visto che Pd e grillini se ne fregano alla grande della sanità che funziona e pensano solo e come sempre alla ricerca di poltrone, di altre poltrone, nel caso in specie di quelle della Regione. PER AMORE DI VERITA’.