Privacy Policy ARRESTATI DUE SIRACUSANI CHE RUBAVANO IN UNA CASA VACANZE IN ORTIGIA – I Fatti Siracusa

ARRESTATI DUE SIRACUSANI CHE RUBAVANO IN UNA CASA VACANZE IN ORTIGIA

Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Ortigia hanno tratto in arresto in flagranza di reato due giovani siracusani, responsabili di furto aggravato in abitazione e ricettazione.  

Secondo la ricostruzione dei fatti, TRIBASTONE Jonathan, classe 1992, disoccupato e pregiudicato, ed una giovane incensurata, dopo aver forzato la porta di ingresso di una casa vacanze situata nella zona di Ortigia, si sono introdotti nell’edificio al fine di svaligiarlo, iniziando a mettere in grosse buste tutta la refurtiva. I due, infatti, erano convinti di avere tutto il tempo per selezionare accuratamente la merce di loro gradimento, pensando che la casa vacanze fosse attualmente non occupata a causa della pandemia da Coronavirus in corso. 

Ma i due ladri non hanno fatto i conti con i Carabinieri della Stazione di Ortigia, impegnati in controlli del territorio volti sia a verificare l’osservanza delle prescrizioni contenute nei provvedimenti adottati per limitare gli effetti del Covid-19, che per prevenire la consumazione di reati predatori.

I militari dell’Arma, infatti, transitando nei pressi della casa vacanze hanno notato che la porta d’ingresso era socchiusa e, insospettiti sono entrati nell’alloggio cogliendo i due topi d’appartamento letteralmente con “le mani nel sacco”. A nulla è valso il loro tentativo di fuga verso il tetto, in quanto i Carabinieri li hanno prontamente bloccati ed accompagnati in caserma per le formalità di rito. Sottoposti a perquisizione personale, sull’uomo è stato rinvenuto un portafoglio appartenente ad un soggetto siracusano, che verosimilmente era stato trafugato poco prima. Per questo motivo il Tribastone è stato denunciato anche per ricettazione.

I due giovani sono stati quindi arrestati e tradotti agli arresti domiciliari presso le loro rispettive abitazioni in attesa del rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Condividi questo Articolo