LA GARA SETTENNALE DI IGIENE URBANA / NON C’E’ L’IGM. CI SONO TEKRA, TECH E SIECO. LA TECH VUOLE UNA GARA ANCHE PER L’APPALTO BREVE

Raccolta rifiuti. Oggi scadevano i termini per presentare le domande per gestire per 7 anni il servizio di igiene urbana nel capoluogo. La sorpresa è fra i partecipanti non c’’è l’Igm. Sono state presentate tre offerte, ma Igm ha deciso comunque di chiudere la sua lunga storia con Siracusa, anche per incompatibilità caratteriali, come hanno attestato le dichiarazioni rilasciate, con l’attuale rappresentanza politica. Hanno chiesto invece di partecipare la Tekra, la Tech Servizi e Sieco Raccolio. L’affidamento è settennale per una spesa presunta di circa 133 milioni, cifra destinata ad aumentare in maniera sensibile. La gara sarà vinta da chi presenterà l’offerta più vantaggiosa. Per quanto riguarda il personale, gli attuali lavoratori saranno comunque garantiti, al di la di chi dovesse essere il vincitore. In ogni caso c’è un altro nodo da sciogliere. Tech Servizi infatti, visto l’annullamento della gara breve che affidava il servizio a Teckra, ha chiesto una nuova gara per l’appalto breve visto che la Tekra, con la gara annullata, gestisce da 10 mesi il servizio e visto che grazie ai tempi della gara settennale lo potrebbe ancora gestire a lungo. Fatto questo che secondo Tech è illegale tanto è vero che ha minacciato con lettera del suo legale di chiedere un adeguato risarcimento. Italgarozzo fino ad oggi non ha risposto e questo preoccupa non poco i cittadini che alla fine sono quelli che finirebbero per pagare un eventuale risarcimento danni.