Privacy Policy CANICATTINI CELEBRA IL 25° ANNIVERSARIO DELLA DONAZIONE DI QUATTRO FRAMMENTI DELLA SANTA CROCE – I Fatti Siracusa

CANICATTINI CELEBRA IL 25° ANNIVERSARIO DELLA DONAZIONE DI QUATTRO FRAMMENTI DELLA SANTA CROCE

Rep: Avranno inizio Venerdì 8 Marzo 2019 a Canicattini Bagni le celebrazioni per il 25° Anniversario della donazione da parte del Papa San Giovanni Paolo II di 4 frammenti della Santa Croce alla Chiesa Madre della cittadina iblea. Era il 22 Marzo del 1994 quando Mons. Giuseppe Sudano, cancelliere della Curia di Siracusa, affidava la reliquia della Santa Croce al Parroco Don Rosario  Pitruzzello che l’aveva ottenuta dal Sacrario Apostolico Vaticano, grazie a Mons. Piero Marini, cerimoniere del Papa Giovanni Paolo II, che il 6 Marzo la consegnava e ne firmata l’atto di autentica. “Concessione straordinaria considerata la grande devozione di questa cittadina verso il SS. Cristo flagellato”, si legge nella motivazione. E la fede dei canicattinesi verso il SS. Cristo emerge nei riti della Santa Pasqua, in particolare nella  processione del Venerdì Santo della statua del 1600 dell’Ecce Homo, “U Santissimu Cristu”, con la presenza dei “Nuri”, devoti vestiti di bianco con una mantella rossa sulle spalle, un corona di spine intrecciata sul capo ed una canna in mano, che intonano un antico e struggente canto di dolore sulla passione e morte di Cristo, rigorosamente in dialetto siciliano, che si tramanda di padre in figlio, “U lamientu”, iscritto di recente nel Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia, il Libro delle Pratiche espressive e dei repertori orali. A sottolinearlo, come ricorda il Professore Tanino Golino, studioso di tradizioni e arte religiosa che ha curato assieme alla comunità parrocchiale questo momento che accompagnerà alla Santa Pasqua, anche l’Arcivescovo di Siracusa, Mons. Salvatore Pappalardo: “Il SS. Cristo rappresenta per i canicattinesi quel tesoro di fede che per secoli hanno custodito e tramandato di padre in figlio”. Dal 2014 per volontà del Parroco della Chiesa Madre, Don Sebastiano Ferla, la reliquia della Santa Croce è esposta all’altare del SS. Cristo che custodisce il Sudario delle vittime della mafia. Per l’occasione in Chiesa Madre sarà esposta una Mostra fotografica documentale  sulla reliquia.

 

Questi gli appuntamenti liturgici animati dal Coro Santa Maria degli Angeli:

 

Ogni Venerdì alle ore 17:00 Santa Messa e “Via Crucis cum Cruce

 

Venerdì 8 Marzo

Celebra Mons. Sudano che 25 anni fa consegnava la reliquia alla comunità, saranno presenti il Sindaco Marilena Miceli, l’Amministrazione e tutte le autorità cittadine;

 

Domenica 10 Marzo

Ore 19:00 Concerto del “Corpo Bandistico Città di Canicattini Bagni” in Chiesa Madre;

 

Mercoledì 13 Marzo

Ore 10:30 La Santa Croce viene portata al Palazzo Municipale, ricordando i dipendenti comunali venuti a mancare, tra questi Giovanni Morana, scomparso lo scorso 12 Ottobre dopo una lunga malattia, studioso delle tradizioni religiose locali, componente del Coro parrocchiale di Santa Maria degli Angeli, era l’anima della tradizione dei “Nuri” del  “Santissimu Cristu”, e del canto “U lamientu”;

 

Venerdì 15 Marzo

Celebra Don A. Russo, affidamento della santa Croce al Santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, “stava Maria ai piedi della Croce”;

 

Venerdì 22 Marzo

Celebra Don M. Boccaccio per l’Unitalsi, la reliquia in settimana verrà portata in visita agli ammalati di Palazzolo Acreide;

 

Venerdì 29 Marzo

Celebra il Parroco Don Sebastiano Ferla che porterà la Santa Croce al Monastero delle Carmelitane, al Centro Anziani, nella Case di riposo e all’Istituto Sant’Angela Merici;

 

Venerdì 5 Aprile

Celebra Don F. Vinci che porterà la Santa Croce alla Casa di Reclusione di “Cavadonna”;

 

Venerdì 12 Aprile

Celebra Don M. Casella, affidamento della Santa Croce alla Parrocchia Maria Ausiliatrice di Canicattini B.;

 

Sabato 13 Aprile

Ore 18:00 al Museo Civico tempo di via De Pretis 18, Conferenza del Prof. A. Plumari, liturgista e ricercatore storico, su “A sira ro SS. Cristo a Ianiattini: anacronismo di una festa, singolarità di un simulacro”.

 

Mercoledì Santo 17 Aprile

Ore 19:00 Via Crucis Scout da via Pr. Jolanda alla “Vera Cruci” dove il Diacono G. Zona collocherà, per una breve preghiera, la reliquia nell’edicola del 1838 che ricorda il prodigio della pioggia.