IL SEQUESTRO DEGLI IMPIANTI DEL PETROLCHIMICO / GIUSEPPE PATTI (I VERDI): VOGLIAMO SAPERE CHE RAPPORTO C’E’ FRA LA QUALITA’ DELL’ARIA E LE PATOLOGIE TUMORALI. LE ALTRE DICHIARAZIONI

Sul sequestro di quattro impianti per inquinamento ambientale molte dichiarazioni. Intanto quella dei Verdi:
“Come Federazione dei Verdi nel 2014 abbiamo depositato 2 esposti. Uno alla Comunità Europea e successivamente alla Procura della Repubblica di Siracusa sul cattivo monitoraggio della qualità dell’aria. 8 centraline della provincia regionale e solo 3 centraline dell’ARPA. Come noi anche tanti altri cittadini hanno posto all’attenzione degli organi preposti alla tutela e al controllo le “puzze” del Polo Petrolchinico di Siracusa. Siamo contenti che la Procura di Siracusa ha raccolto il grido di allarme di un territorio che sta vedendo troppi morti e troppi malati per cause tumorali. Continuiamo a chiedere l’implementazione delle centraline di monitoraggio perché vogliamo sapere quello che respiriamo. Alla luce dei sequestri Esso e Lukoil e quelli di oggi vogliamo sapere che correlazione c’è tra l’inquinamento dell’aria e le patologie tumorali di cui tanti cittadini del quadrilatero industriale si sono negli anni ammalati e morti”.
Giuseppe Patti Verdi Siracusa

Poi Fratelli d’Italia con la sua federazione provinciale che “esprime grande soddisfazione per i provvedimenti eseguiti stamani a tutela della qualità dell’aria, con il sequestro preventivo degli stabilimenti industriali Versalis di Priolo e Sasol di Augusta, oltre che dei depuratori Tas di Melilli e Ias di Priolo”.
Ancora per il sindaco Italia e per l’assessore Coppa “C’è una responsabilità sociale delle imprese che non può essere limitata solo ed esclusivamente al dato occupazionale ed economico e che deve andare oltre. Trincerarsi dietro il timore occupazionale significa non avere una visione innovativa del futuro”.