Privacy Policy DANIELA ARMENIA: 120MILA DISOCCUPATI FRA SIRACUSA E RAGUSA, VOGLIO LOTTARE CONTRO LA POVERTA' E IMPEGNARMI PER IL LAVORO – I Fatti Siracusa

DANIELA ARMENIA: 120MILA DISOCCUPATI FRA SIRACUSA E RAGUSA, VOGLIO LOTTARE CONTRO LA POVERTA’ E IMPEGNARMI PER IL LAVORO

Daniela Armenia, per lei la candidatura per il centrodestra nel collegio di Avola alla Camera il 4 marzo è una sorpresa?
So che qualcuno lo pensa, ma non è così, la mia candidatura alla Camera con il Centro destra nel Collegio di Avola non è inaspettata.

Era una opzione a cui aveva già pensato?
Ci pensavo da tempo, l’ho poi voluta dopo la scomparsa di mia suocera che per me è stata una vera e propria mamma.

Cosa è successo esattamente?
Dopo il funerale di mia suocera, don Carbone, un prete di Rosolini, ci ha raccontato cose che noi in famiglia non sapevamo. A nostra insaputa, mia suocera, infatti faceva volontariato, lavorava per gli altri, per quelli meno fortunati. Per la gente più povera e per chi vive nella sofferenza. Lo ha sempre fatto in silenzio, senza mai vantarsene.

Questa scelta ha fatto scattare la scintilla?
Proprio così. Mi sono detta perchè non fare volontariato apertamente? Perchè non farlo nelle sedi istituzionali, perchè non urlare nei palazzi della politica che bisogna fare di più per quanti oggi vivono in condizioni disperate?

E’ la sua mission?
E’ quello che voglio fare. In Italia oggi ci sono quasi 8 milioni di persone che vivono nella povertà più assoluta e le cifre non sono meno drammatiche nelle province di Siracusa e Ragusa. I disoccupati sono 120 mila. E questo sarà uno dei miei slogan in questa campagna elettorale: lotta contro la povertà ed impegno per il lavoro. Voglio ringraziare l’onorevole Stefania Prestigiacomo per la fiducia accordatami. Farò il massimo per non deluderla.

Ne siamo certi. Cosa ha pensato quando ha saputo che sarebbe stata candidata alle Politiche?
Che si trattava di un segnale, non poteva essere solo una coincidenza. Il giorno del mio inserimento nella lista per l’uninominale, coincideva con la data del compleanno di mia suocera. Lo considero un segnale arrivato dall’Alto.

Qualcuno dice che se lei non fosse stata la nuora dell’onorevole Pippo Gennuso?
Nessuna difficoltà a rispondere. Vorrei con l’occasione spegnere ogni tentativo di cattiveria nei miei confronti e della mia famiglia. Qualcuno parla di nepotismo perchè sono la nuora dell’onorevole Pippo Gennuso. Rassicuro i miei concittadini e la gente del sud est che essere la nuora di un parlamentare è soltanto un valore aggiunto. E’ vero che oggi in politica serve la freschezza delle idee ed anche volti di uomini e donne nuovi. Ma senza l’esperienza non si va da nessuna parte.