Privacy Policy IL COORDINATORE DI FRATELLI D'ITALIA PARLA DI SPADARO CON MODI ROZZI E IRRISPETTOSI – I Fatti Siracusa

IL COORDINATORE DI FRATELLI D’ITALIA PARLA DI SPADARO CON MODI ROZZI E IRRISPETTOSI

Scrive il coordinatore Regionale di Fratelli d’Italia Manlio Messina su Spadaro: Leggiamo con stupore il tentativo di trascinare il nostro Movimento in polemiche immotivate.
Alessandro Spadaro, che ringraziamo per il suo impegno, ha rassegnato le dimissioni da portavoce
ed il suo sostituto è stato scelto con il criterio più oggettivo possibile: il più votato di FdI alle ultime
elezioni regionali.
Fratelli d’Italia ha recentemente celebrato il suo partecipatissimo congresso nazionale e, se non
fossero state anticipate le elezioni politiche, avrebbe svolto come da regolamento i congressi
territoriali in questi giorni. Gli stessi verranno svolti dal mese di aprile.
Certamente è apprezzabile il fatto che Alessandro Spadaro abbia scelto di rimettere il mandato non
essendo riuscito a mantenere nessuno degli impegni assunti nella fase di composizione della lista e
avendo ritenuto di non candidarsi personalmente alle elezioni regionali. Ricordiamo che purtroppo
la nostra lista nel collegio di Siracusa non ha brillato, nonostante la desistenza di Diventerà
Bellissima e il candidato indicato dal portavoce provinciale sia arrivato all’ultimo posto, seppur
sostenuto da tutto il partito.
Auspichiamo che Spadaro mantenga l’impegno di lavorare per Fratelli d’Italia e provi sul campo
nelle prossime elezioni amministrative il suo radicamento e consenso personale. Lavoreremo
insieme al neo commissario provinciale Peppe Napoli e a tutti i nostri militanti per rendere la lista
di Siracusa più competitiva possibile. Ora però è tempo di pensare alle Politiche.

 

Ovviamente non entriamo nel merito delle dinamiche interne di questo partito. Ci sembra però irrispettoso il modo con cui si vuole sbolognare Alessandro Spadaro che a Siracusa ha tenuto sempre alto l’appeal e la credibilità del partito della Meloni. Vista la rozzezza di linguaggio del coordinatore regionale evidentemente Spadaro ha sbagliato compagni di viaggio.