da sinistra Alberto Restuccia, Fulvia Ferrara e Michele Mangiafico