Privacy Policy LA LEGGE APPROVATA SULLE CAMCOM / ASSOCIAZIONI DATORIALI COMPATTE: SI' ALLE MODIFICHE – I Fatti Siracusa

LA LEGGE APPROVATA SULLE CAMCOM / ASSOCIAZIONI DATORIALI COMPATTE: SI’ ALLE MODIFICHE

Ecco la lettera che i presidenti regionali  di Casartigiani, Confcooperative, CNA, Claai, Confartigianato, Legacoop e Confesercenti hanno inviato Al Ministro per lo Sviluppo Economico On. Giancarlo Giorgetti, al presidente della Commissione Bilancio alla Camera On. Fabio Melilli, ai componenti della Commissione Bilancio alla Camera, al Presidente della Regione On. Nello Musumeci  e al Presidente dell’ARS On. Gianfranco Micciché, sulla vicenda che riguarda la sistemazione delle CamCom siciliane: “ Siamo purtroppo, e ci dispiace, costretti ad intervenire per contestare in toto la posizione assunta da Unioncamere Sicilia sul sistema delle Camere di Commercio Siciliane, recentemente interessato da importanti modifiche di legge e attualmente destinatario di provvedimenti in discussione al Parlamento Nazionale.  In primo luogo perché non risponde al vero l’affermazione, espressa da Unioncamere Sicilia, di una unanime contrarietà delle organizzazioni datoriali regionali alle modifiche apportate dalla legge. Una parte significativa del sistema delle PMI siciliane, e cioè la quasi totalità delle associazioni dell’artigianato e della cooperazione, sicuramente la parte maggioritaria di queste due tipologie di impresa, nonché parte delle associazioni dell’Industria e del Commercio, ha infatti riconosciuto, pur auspicando anche una futura revisione del numero complessivo delle Camere siciliane, che le modifiche apportate alla legge rispondono ad una problematica effettivamente esistente nell’attuale sistema camerale siciliano. Inoltre è stata fortemente sottolineata l’esigenza di introdurre anche in Sicilia il principio della autonomia delle Camere di Commercio delle Città Metropolitane, principio vigente in tutto il territorio nazionale tranne che, non si comprende per quale ragione, in Sicilia. Un principio che almeno parzialmente, per la Camera di Catania, è stato affermato dalle modifiche di legge apportate. Quindi non è vero che la totalità delle associazioni di categoria si sono dette contrarie a quelle modifiche e allo stesso modo non sono oggi contrarie a quelle in discussione. In secondo luogo perché sul piano del metodo riteniamo che i soggetti chiamati ad esprimersi sull’organizzazione del sistema camerale debbano essere le associazioni datoriali che vengono infatti riconosciute dalla legge quali soggetti primari in quanto tali chiamati ad esprimere la governance delle Camere di Commercio. Se così non fosse si correrebbe infatti il rischio di posizioni volte più alla difesa di strutture derivate che non alla effettiva tutela degli interessi delle imprese sul territorio. Insomma, noi crediamo che l’attenzione delle Camere di Commercio debba essere centrata sulle imprese e sulle loro reali esigenze alla luce dei nuovi ed importantissimi compiti attribuiti dalla riforma mentre l’elemento centrale di interesse del dibattito è sembrato essere fin qui quello delle partecipate (dagli aeroporti in giù). Ed è per questo motivo che le valutazioni sulla migliore forma organizzativa del sistema camerale sul territorio devono essere espresse dalle associazioni datoriali che conoscono le problematiche e le reali esigenze delle imprese e ne rappresentano gli interessi. Per tali ragioni, nel pieno rispetto della loro autonomia decisionale, esprimiamo alle istituzioni in indirizzo l’invito a tenere conto di questa posizione di una parte significativa del mondo delle imprese.  

Maurizio Pucceri – Presidente Casartigiani Sicilia Gaetano Mancini – Presidente CONFCOOPERATIVE Sicilia Orazio Platania – Presidente CLAAI Sicilia Giuseppe Pezzati – Presidente Confartigianato Sicilia Sebastiano Battiato – Presidente CNA Sicilia Filippo Parrino – Presidente LEGACOOP Sicilia Vittorio Messina – Presidente CONFESERCENTI Sicilia.

In sintesi le associazioni datoriali condividono le modifiche dell’emendamento Prestigiacomo e quindi sono per l’eliminazione della grande camcom di Catania che assorbiva anche Siracusa e Ragusa. Mentre queste associazioni hamno il diritto di pronunciarsi sulla governance delle Camcom la lettera di alcuni sindaci siciliani è invece un’entrata a gamba tesa con qualcuno che sddirittura la firma per danneggiare la sua stessa città. Cosa c’è dietro? Lo abbiamo chiesto al firmatario dell’emendamento che qualcuno oggi vuole cancellare a tutti i costi.  “Sostengo da anni – ha risposto l’onorevole Stefania Prestigiacomo – che il nodo è il destino di Fontanarossa, ma ormai c’è una legge dello Stato approvata lo scorso luglio che va applicata e che ridefinisce le aggregazioni fra le Camere di Commercio. Certo mi pare assurdo aver fatto una battaglia per restituire autonomia alle province penalizzate e poi leggere che il sindaco di Siracusa ha firmato una lettera per far restare la sua città periferia impotente e ininfluente. E contro pure il parere di tutte le categorie che nero su bianco hanno chiesto una rapida attuazione della riforma …. Mi sembra assurdo assecondare il disegno che l’ex assessore Venturi ha recentemente raccontato in tribunale al processo sul caso Montante e che vedeva le CamCom strumento per l’operazione Fontanarossa”.