Privacy Policy VINCIULLO: CACCIAMOLI, SONO PEGGIO DELLE CAVALLETTE CHE COLPIRONO L'EGITTO – I Fatti Siracusa

VINCIULLO: CACCIAMOLI, SONO PEGGIO DELLE CAVALLETTE CHE COLPIRONO L’EGITTO

Professor Vinciullo, Siracusa ultima in Italia come qualità della vita col sindaco del cga che vuole far dimenticare questa vergogna partecipando alla selezione per capitale della cultura. Forse, visti i fatti, sarebbe più corretto parlare di capitale della spazzatura?

La munnizza, non penso che la città brilli per pulizia, cataste di rifiuti solidi urbani li possiamo trovare ad ogni angolo della città, compresa Ortigia che dovrebbe essere il fiore all’occhiello di questa inutile Giunta. Veda, sono così inutili, politicamente parlando, che nel mese di agosto continuano ad arrivare le bollette di pagamento della tassa rifiuti con scadenza maggio e sono così inutili e dannosi a sé stessi e agli altri che si sono dimenticati il modello di pagamento unico, cosicché i cittadini sono costretti ad una sovra tassa di 12 euro per pagare 6 bollettini, quando invece ne potrebbero pagare uno solo.

Invece le piste ciclabili..

Le piste ciclabili che dovevano essere il fiore all’occhiello di questa amministrazione, in parte sono cancellate dall’azione del tempo, in parte impraticabili perché impreziosite da buche e crateri e in parte perché abbellite dalle foreste lussureggianti che sono cresciute dentro le piste ciclabili perché non utilizzate. In compenso abbiamo creato problemi ai cittadini, ai commercianti e agli artigiani che non potranno utilizzare spazi importanti di strade cittadine.

Ortigia chiusa all’improvviso, senza organizzazione, senza informazione, senza vigili urbani da anni disabituati a stare sulle stradem forse e senza forse con l’intento di favorire gli amici del cerchietto e di fare cassa con multe a pioggia..

Su Ortigia non voglio dire nulla, è come sparare sulla Croce Rossa, basta vedere il traffico che tutto il giorno e tutte le ore drammaticamente caratterizza la vita degli sfortunati residenti di Ortigia. Una cosa è certa, questi amministratori sono dannosi per sé e per gli altri, nel predisporre gli atti per il caos Ortigia, ad esempio, non hanno previsto tutto quello che drammaticamente vivono ogni giorno gli abitanti di viale Montedoro che, dovendo tornare a casa e non essendoci strade alternative, sono costretti ad incolonnarsi anche loro come gli abitanti di Ortigia.

Belvedere e Cassibile?

Le frazioni dimenticate a se stesse, trascurate in maniera inqualificabile, come se non fossero territorio della nostra città ed utilizzate solo come bancomat dove attingere, a mani basse, senza dare alcuna risposta. Stesso discorso si potrebbe dire per le zone a mare.

Le periferie ancora dimenticate sono e restano solo un  cavallo di battaglia in campagna elettorale?

Per spiegare l’assenza di interventi sui quartieri fragili, da via Algeri a via Italia, da via Immordini a via Giarre, solo per fare un esempio, si dice che non ci sono risorse perché vengono investite su Ortigia. Io chiederei ai cittadini di Ortigia di confermare questa ipotesi, basta pensare allo stato di degrado del San Domenico, dell’Ospedale delle 5 Piaghe, del Liceo Classico Gargallo, del lungomare di Levante, del lungomare di Ponente, della marina e questo a voler essere generosi.

Tirate le somme?

E’ chiaro che questa situazione non può continuare, questa amministrazione deve andare a casa e io mi auguro che il giorno in cui verrà integrato il Consiglio Comunale, la prima cosa che faranno sarà quella di presentare una mozione di sfiducia per allontanare dalla città questa sciagura che si abbattuta su Siracusa, peggio delle cavallette che colpirono l’Egitto.