Privacy Policy PUCCI PICCIONE: LA FESTA DI SANTA LUCIA NON SI TOCCA. I BROGLI ELETTORALI? DAL CGA MI ASPETTO DI TUTTO E DI PIU' – I Fatti Siracusa

PUCCI PICCIONE: LA FESTA DI SANTA LUCIA NON SI TOCCA. I BROGLI ELETTORALI? DAL CGA MI ASPETTO DI TUTTO E DI PIU’

Avvocato Pucci Piccione, la festa di Santa Lucia subisce critiche anche da addetti ai lavori, da religiosi. Cosa c’è da cambiare? Come presidente della Deputazione cosa state preparando per il 13 e 20 dicembre?

Padre Pippo Caracciolo, figura di riferimento per il mondo luciano, in un articolo pubblicato tanti anni fa su “ Con Lucia a Cristo ” rispondeva, con estrema intelligenza, a tutte le critiche, che peraltro sono sempre le stesse, che vengono rivolte ogni anno alla festa di Santa Lucia. Occorre fare una prima considerazione. La festa del Santo Patrono è stata sempre espressione del popolo che vi partecipa e riprende il carattere della popolazione. La festa di Santa Lucia a Siracusa, basta rileggere le cronache della prima metà del 1600, è rimasta sempre la stessa, inalterata nei suoi passaggi fondamentali. E’ una festa che, a differenza di altre, conserva un aspetto fortemente devozionale, e di questo posso essere testimone diretto, e nel contempo evidenzia il distacco, anche esso tipicamente siracusano, che spinge a vivere la festa dai marciapiedi, in Ortigia dai balconi,  piuttosto che dentro la processione. Lo scorso anno Peter Stein e Davide Livermore, due grandi registi che hanno partecipato alla festa del patrocinio di maggio, su mia precisa domanda identica alla tua, mi hanno risposto di non cambiare nulla. E ritengo che la festa debba rimanere inalterata nella sua struttura senza cadere in banali momenti di folklore utilizzando il linguaggio della contemporaneità. Salvo La Rosa, che da due anni riprende in diretta la nostra festa sull’esempio di quella di S. Agata, ed Enrico Selleri, corrispondente di TV 2000, sono rimasti colpiti dalla bellezza della nostra festa. Spesso sono gli altri che sanno cogliere gli aspetti di autenticità che a noi sfuggono. Cosa faremo per la prossima festa. E’ difficile adesso dire qualcosa sia perché aspettiamo il nuovo Arcivescovo e sia perché, con le disposizioni normative attualmente vigenti, anche la festa di dicembre rischia di saltare. Viviamo l’incertezza di questo periodo con la consapevolezza, però, che Lucia guida i passi ed i tempi della nostra città.

Una domanda all’avvocato, Ti aspettavi la sentenza del Cga sui brogli elettorali a Siracusa?

Caro Salvo, dalla magistratura amministrativa mi aspetto di tutto e di più!

SABATO L’INTERVISTA INTEGRALE