Privacy Policy SUI BROGLI LA SENTENZA DEL CGA E' SBAGLIATA, A PRESCINDERE DALLE NOTE AFFINITA' POLITICHE DI ALCUNI GIUDICI – I Fatti Siracusa

SUI BROGLI LA SENTENZA DEL CGA E’ SBAGLIATA, A PRESCINDERE DALLE NOTE AFFINITA’ POLITICHE DI ALCUNI GIUDICI

Stefania Prestigiacomo, partiamo dal fatto che ti sei data un gran da fare per far crescere la sanità a Siracusa…
Credo da tempo che il nostro territorio meriterebbe strutture e servizi migliori e credo che nella ripartizione delle risorse della sanità a livello regionale in passato Siracusa sia stata penalizzata. Speriamo di essere riusciti finalmente ad invertire la tendenza che ci vedeva “vassalli” della sanità catanese.
Veniamo al merito perché in questo caso di merito si tratta. Il nuovo ospedale di secondo livello è una battaglia che hai vinto personalmente insieme ad altri esponenti del centrodestra siracusano. Te lo chiediamo visto che c’è chi, ad esempio l’attuale sindaco, con una faccia tosta incredibile, cerca di accreditarsi anche questo.
La battaglia per l’ospedale di secondo livello è stata combattuta solo dal centrodestra contro la freddezza iniziale del governo regionale e nell’indifferenza quando non nello scherno della sinistra, sindaco compreso. Vinta la battaglia tutti sono corsi ad attaccarsi al petto la medaglia. Succede sempre così.
Poi sei riuscita a far adottare il “metodo Genova” e quindi la nomina di un commissario per costruire il nuovo ospedale di Siracusa in due anni.
Non è stato facile far passare quell’emendamento. Alla fine ce l’abbiamo fatta. Ma la norma di legge è solo un primo passo. La storia della Repubblica è piena di bellissime leggi rimaste inapplicate. Dobbiamo essere vigili e tenaci: non mollare mai.
Su questa nomina però sembra ci siano tanti candidati e così, lo stiamo vedendo, si perde tempo
E’ vero. Questo è il pericolo. A me non interessa chi sarà il commissario, purchè ovviamente sia competente e all’altezza della sfida. Mi interessa che venga nominato e che si metta a lavoro subito.
Come avrai sicuramente notato, da più parti ci sono state riserve anche forti sulla sentenza del Cga per i brogli elettorali a Siracusa.
Io ho rispetto per la magistratura ma resto dell’idea che l’entità degli errori emersi dalle verifiche e confermati dalla sentenza del TAR non sono stati lievi, né marginali e non sono convinta che il risultato confermato dal CGA rispecchi la volontà degli elettori.
Anche l’avvocato Ezechia Paolo Reale in una conferenza stampa ha preso atto che  a decidere sono stati troppi giudici notoriamente vicini al Pd.
Questo tipo di argomenti sono stati utilizzati a sinistra per cercare di screditare la sentenza del TAR. Io trovo la sentenza del CGA sbagliata a prescindere dalle affinità politiche di alcuni giudici, peraltro note.
Per quanto mi riguarda non  riesco a capire i movimenti di Francesco Italia, sfiduciato dal Consiglio comunale, cancellato dalla commissione prefettizia e dal Tar, si ostina a restare un uomo solo al comando e addirittura utilizza fondi pubblici per contrastare il ricorso di alcuni consiglieri comunali. Qualunque politico si sarebbe dimesso e si sarebbe confrontato con l’elettorato…
Qualunque politico non è Italia. Lui è il podestà. E non mi pare che si renda conto di quanto rischia politicamente facendo per tre anni ciò che vuole ma avendo anche la piena ed esclusiva responsabilità di tutto.
Il presidente Giuseppe Conte tornerà a fare i suoi illiberali DPCM, chiaramente in contrasto con la Costituzione?  Lo chiediamo perché sentiamo moltissime persone che non intendono subire restrizione alcuna per quanto riguarda la libertà personale.
Conte che pochi conoscevano due anni fa è stato pescato da un comico per Governare il paese. Ha fatto e detto tutto e il contrario di tutto. E’ stato premier con la Lega e contro la Lega, contro il Pd e con il Pd. Più che le libertà personali, Conte ha abolito la politica.
Siracusa è una città senza verde e sono stati eliminati tutti gli alberi di piazza Adda, anche i ricordi di intere generazioni.
Non so che male avessero o che male facessero quegli alberi. E non abbiamo nemmeno un consiglio comunale per chiedere conto alla giunta di certe scelte, forse minori, ma certamente simboliche. Come la maggior parte delle rotonde abbandonate e sepolte dalle sterpaglie.
Siracusa è già in difficoltà da tempo, con i danni di questa ennesima emergenza in autunno sarà un disastro annunciato?
E’ un rischio serissimo. Il Governo non sembra in grado di proporre una strategia efficace per la ripresa, disattende tutte le richieste delle categorie produttive, fa debiti e annunci. Speriamo si possa andare presto a votare e restituire agli italiani la possibilità di scegliersi un governo dopo questi anni di dilettanti allo sbaraglio.

Condividi questo Articolo