IL 12 SETTEMBRE SI VOTA SUI LOCULI: I SIRACUSANI TURLUPINATI DAI CONSIGLIERI COMUNALI INCIUCIATORI

IL 12 SETTEMBRE SI VOTA SUI LOCULI: I SIRACUSANI TURLUPINATI DAI CONSIGLIERI COMUNALI INCIUCIATORI

Diciamo subito con estrema chiarezza che i siracusani proprietari di loculo al cimitero, loculo acquistato prima del 1996, non debbono pagare nessuna concessione, nessuna tassa, nessun balzello, insomma non debbono pagare niente di niente, meno che meno i 600 euro inventati (non si capisce da dove spunta questa cifra) da Italgarozzo, dall’assessore Furnari, dal funzionario firmatario Borgione.

Nel 1996 infatti per la prima volta il Consiglio ha parlato di concessione, ha votato una delibera che per legge non può avere nessuna retroattività.

D’altra parte già il nuovo Consiglio comunale su questo punto ha votato ed ha modificato il regolamento di polizia mortuaria.

Purtroppo non c’è stato il voto finale che è poi quello che ha consentito il padre di tutti i traccheggi. Cioè ha consentito che nel bilancio venissero inseriti anche i proventi dei loculi che alla fine non  ci saranno. Insomma, in maniera spregiudicata si è fatto di tutto per approvare un  bilancio farlocco, finto. Oltre a quella dei loculi infatti ci sono anche altre entrate gonfiate, insomma il Comune non acquisirà mai le cifre che ha invece messo a bilancio come entrate certe.

Il padre di tutti i traccheggi è stato reso possibile dall’assenza contemporanea di 21 consiglieri comunali su 32 che non ha fatto approvare definitivamente e chiuso il caso loculi. Bastava una sola assenza in meno e il voto avrebbe chiuso la questione. Ma se questo fosse avvenuto il bilancio non avrebbe potuto essere approvato. E’ scattata quindi la più grande campagna acquisti che la storia recente del Comune ricordi. Italgarozzo ha contattato uno per uno i vari consiglieri, li ha convinti e non vi diciamo come perché non  vogliamo altre querele sul groppone. Ma Italgarozzo da solo non sarebbe nemmeno bastato e allora ci sono state ampie frange dell’opposizione che hanno collaborato, in maniera cosciente e quindi in aperta malafede nei confronti dei siracusani che li hanno votati. Erano 20 i consiglieri comunali che s erano impegnati a non far fare cassa sul cimitero e ad eliminare lo sconcio di una tassa di 600 euro su loculi che sono per legge di legittima proprietà dei nostri cari defunti. Invece, in  aula erano presenti appena in 11. Mancavano 4 su 5 grillini, con la presidente Scala – mai un voto contro Italgarozzo – in testa, mancavano 3 su 4 consiglieri di Forza Italia. Insomma, un mercato del pesce, ne più ne meno.

Così si è potuto approvare il bilancio finto di cui parlavamo prima. Ed anche sul voto del bilancio a caduta, ha funzionato l’inciucio di cui dicevamo prima. L’opposizione infatti poteva bocciarlo agevolmente, ma ha fatto in modo di evitarlo, con destrezza e per libero inciucio. Il bilancio farlocco è stato quindi approvato con 13 voti favorevoli (cinque acquisiti dal centro destra e cioè Favara, Mangiafico, Torres, Trimarchi e Recupero) e 8 contrari. Sono scomparsi al momento giusto otto consiglieri dell’opposizione proprio per ACCORDO MANIFESTO. Si tratta dei consiglieri Castagnino, Alota, Basile, Boscarino, Di Mauro, Catera, Impallomeni, Lo Curzio.

Insomma, in Consiglio comunale ci sono posizioni fluide, con accordi trasversali ormai evidenti. Non ci sono partiti, ma intese personali, quasi sempre favorite da prebende e cioccolattini vari per i singoli inciuciatori. Con questo assetto il 12 settembre il Consiglio comunale è chiamato a dare il voto finale sul nuovo regolamento di polizia mortuaria. In base agli impegni assunti coi siracusani e in base alle dichiarazioni contrarie a far cassa sul cimitero, non ci dovrebbero essere discussioni: le concessioni per i loculi dovrebbero quindi partire dal primo gennaio del 1997 e se ne tornerebbe a parlare il primo gennaio del 2022. Poi bisogna fare i conti coi consiglieri di ventura, quelli capaci di tradire il mandato e i propri elettori come se bevessero un bicchiere d’acqua. Vedremo. Certo, se il 7 novembre il Tar di Catania annullerà le elezioni facendo una pulizia etnica degli attuali inquilini del Vermexio..

IL 12 SETTEMBRE SI VOTA SUI LOCULI: I SIRACUSANI TURLUPINATI DAI CONSIGLIERI COMUNALI INCIUCIATORI ultima modifica: 2019-09-07T14:45:49+02:00 da IfattiSiracusa