Privacy Policy PRIMO AVVISO DI DEMOCRAZIA PARTECIPATA, DAL 28 LUGLIO LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE – I Fatti Siracusa

PRIMO AVVISO DI DEMOCRAZIA PARTECIPATA, DAL 28 LUGLIO LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Rep: È stato pubblicato sul sito istituzionale, www.comune.siracusa.it, e all’albo pretorio il primo avviso pubblico sull’attività di democrazia partecipata il cui regolamento è stato approvato la scorsa settimana dal consiglio comunale con delibera immediatamente esecutiva (l’iniziativa ha preso spunto da una proposta di Salvo Russo del Comitato attivisti siracusani ndr).

Il bando (che porta la firma del dirigente del settore “Comunicazione e relazioni con la città”, Giuseppe Ortisi) invita i cittadini residenti a Siracusa, a partire dai 16 anni di età, a presentare “proposte ed idee progetto per la realizzazione di azioni ed interventi” di interesse generale. Le somme a disposizione sono in tutto 63mila euro e sono state stabilite, con legge della Regione, nella misura del 2 per cento dei proventi assegnati al Comune frutto della riscossione dell’Irpef.

Gli interessati possono presentare le istanze a decorrere dal 28 luglio e per un periodo di 15 giorni. Per farlo devono utilizzare una scheda progetto che possono trovare allegata al bando pubblicato sulla homepage del sito istituzionale alla sezione “Avvisi e news”. La consegna deve avvenire attraverso posta elettronica certificata all’indirizzo: ufficioeuropa@comune.siracusa.leglmail.it. La varie fasi della procedura saranno illustrate in un’assemblea pubblica che si terrà il 25 luglio, alle 10, all’Urban center di via Nino Bixio 1.

Come da regolamento, saranno ammessi al massimo 15 proposte. Se il numero dei progetti presentati sarà più alto, prima di stabilire la graduatoria, si procederà ad una votazione.

Questi gli ambiti tematici scelti per il 2019 dall’Amministrazione: Ecologia, ambiente, decoro urbano e sanità; Opere pubbliche e rigenerazione urbana; Politiche economiche e sviluppo del territorio; Politiche giovanili, scolastiche, sociali e pari opportunità; Politiche culturali, sportive e promozione turistica; Cura dei beni comuni; Viabilità, mobilità e innovazione tecnologica.

Ciascuna persona potrà presentare un solo progetto che deve essere riferito a un solo ambito tematico.