Privacy Policy NEL 2019 IL SINDACO HA SPESO 110MILA EURO AL MESE, 553MILA EURO IN CINQUE MESI. LA GRILLINA SCALA NON RINUNCIA A NULLA ED HA GIà PERCEPITO 31MILA EURO LORDI – I Fatti Siracusa

NEL 2019 IL SINDACO HA SPESO 110MILA EURO AL MESE, 553MILA EURO IN CINQUE MESI. LA GRILLINA SCALA NON RINUNCIA A NULLA ED HA GIà PERCEPITO 31MILA EURO LORDI

Italgarozzo ha speso nei primi cinque mesi del 2019 553mila euro del fondo di riserva di cui dispone direttamente il sindaco. Quindi Italgarozzo ha speso qualcosa come 110mila euro al mese. E’ quanto emerso nel question time di ieri in Consiglio comunale. Il sindaco non si è presentato in aula per rispondere a questa interrogazione ed è toccato quindi al ragioniere generale, Giorgio Giannì, fare le sue veci. Il primo cittadino ha disertato la seduta palesemente irritato per una interrogazione di questo tipo, ma tuttavia chi ha sollevato la questione ha anche stigmatizzato ed ha fatto mettere a verbale la sua assenza. Ma come ha fatto Italgarozzo a spendere 110 mila euro al mese in considerazione del fatto che lo stesso ha fatto ripetutamente dichiarazione pubbliche dove parla di possibile dissesto del Comune? Come è possibile? Il Comune è a un  passa dal default e il sindaco spende 110mila euro al mese? 553mila euro in cinque mesi? E con quale faccia poi si chiedono ulteriori sacrifici ai siracusani tassati come nessun’altra città italiana? Un’altra interrogazione similare ha messo nel mirino la grillina Scala, in atto presidente del civico consesso. La Scala infatti non ha rinunciato all’indennità o ad una parte dell’indennità come vanno dichiarando da sempre tutti i grillini e in tutte le salse. Ad oggi, sempre coi dati del ragioneire generale, ha percepito la Scala ha messo in tasca 31mila euro lordi. Per capire meglio va detto che i Consiglieri comunali in media percepiscono 2-3mila euro l’anno.

Ultima curiosità. Sindaco e assessori percepiscono 24mila euro mensili e, guarda le coincidenze, hanno votato in maniera compatta la mega assurda tassa di 600 euro per i siracusani che hanno già pagato il loro loculo. Punto.