Privacy Policy ALLA LIBRERIA DIANA / VENERDI' 12 PRESENTATO A SIRACUSA "IL PIANO SEGRETO", IL SUCCESSO EDITORIALE DEL WEB – I Fatti Siracusa

ALLA LIBRERIA DIANA / VENERDI’ 12 PRESENTATO A SIRACUSA “IL PIANO SEGRETO”, IL SUCCESSO EDITORIALE DEL WEB

Rep: “Jihad il Piano Segreto” di Art Mc Loud, sarà presentato venerdì 12 aprile alle 17,30, alla libreria Diana. A rappresentare l’anziano autore e il comitato di redazione ci sarà Claudio Melchiorre. Ad intervistarlo la giornalista Melania Sorbera. L’opera è stata definita profetica da varie testate ed è sicuramente un libro di denuncia, avvincente, capace di generare emozioni contrastanti, oltre ad aspre polemiche. Con chiarezza e passione, prima di qualsiasi scandalo pubblico, Jihad ha descritto il mercimonio costruito sui migranti, le violenze, le tragedie che avvengono tra l’Africa e l’Europa, ma anche la passione, la fede, le speranze che si nascondono nell’animo di ogni persona.
È stata pubblicata direttamente sul web, senza altro sostegno che quello dell’autore e della redazione, riscuotendo un successo inatteso, tanto da eguagliare le vendite di celebrati autori di narrativa in forza a grandi editori. Sulla scorta delle ottime recensioni e della diffusione del passaparola, “Il Piano Segreto” è stato notato anche in Francia, dove, grazie allo scouting di Giovanna-Paola Vergari, pugliese e docente in forza all’Università Charles de Gaulle di Lille, è stato pubblicato nella collana “Lignes de Migration” della Editions Laborintus. Pochi giorni fa, con il titolo ‘Le Plan Secret’ è stato presentato al Salon du Livre 2019, a Parigi.
“Il Piano Segreto” e i due seguenti romanzi, “L’Esodo” e “La Pace”, si sviluppano con un linguaggio semplice, scorrevole, diretto e danno all’idea di integrazione un significato diverso e spiazzante.
“Questo romanzo è stato realizzato come sfida ai pregiudizi e alle presunzioni – spiega Melchiorre. Chi lo legge si diverte, appassiona, a tratti si spaventa e ama una galleria di personaggi unica. Con le loro gesta eroi comuni, semplici, quotidiani ci portano a riflettere su parole abusate e poco riflettute, come, ‘tolleranza’, ‘uguaglianza’, ‘fede’, ‘guerra’, ‘amore’”.