Privacy Policy ANTONELLO RISPONDE A LUCIANO GIANNI E ATTACCA IL SINDACO PIPPO GIANNI: "IN OTTO MESI AVETE FATTO SOLO NOMINE A NON PRIOLESI" – I Fatti Siracusa

ANTONELLO RISPONDE A LUCIANO GIANNI E ATTACCA IL SINDACO PIPPO GIANNI: “IN OTTO MESI AVETE FATTO SOLO NOMINE A NON PRIOLESI”

Rep: La guerra a Priolo non finisce mai. L’ex sindaco Antonello Rizza attacca l’attuale sindaco Pippo Gianni e così replica a Luciano Gianni, già amministratore del comune priolese: “Caro Luciano, quello che ho fatto io in questo paese, in quanto a riqualificazioni, servizi etc, sono come tutte le cose opinabili, ma vivaddio, le ho fatte. Basta ricordare, che in un anno e mezzo, ho riqualificato Marina di Priolo e stabilizzati tutti i precari, unico comune della Sicilia, oltre a togliere nei miei primi due atti da sindaco nel 2008, il pagamento del costo della refezione scolastica. Vuoi ricordarmi tu, quale sono i primi 2 atti dell’amministrazione Gianni? Te li ricordo io, la nomina di un Amministratore della in house, non Priolese, per i servizi resi, la nomina di un assessore non Priolese, poi dimessosi da pochi giorni, perché coinvolto nel sistema Siracusa, la nomina di una Consigliere di amministrazione del depuratore Ias, non Priolese, ed ancora un torneo di Beach volley a San Foca in piena estate, affidata ad una associazione, la cui presidente è la madre di un candidato alle elezioni comunali nelle file di tuo padre, il trasporto della sabbia ad una ditta riconducibile al marito di un assessore, il tutto a 10 mt dall’attività riconducibile al marito dell’attuale assessore allo sport e spettacolo. Tutto in famiglia quindi. Altro che interesse pubblico. Se vuoi posso continuare per ore, su questo andazzo e se penso che sono passati solo 8 mesi, rabbrividisco. Dunque, non parlare delle cose che ho fatto, io non faccio politica, mi godo la mia famiglia appunto, che ho trascurato, nei 10 anni della mia vita, che da sindaco ho dedicato ai priolesi, parlami dei programmi elettorali di questo sindaco. Stiamo ancora aspettando, la piantumazione dei miracolosi alberi della paulonia, quelli con cui dal legno, dovevate fare pannelli, mobili, dando lavoro a decine di disoccupati. Stiamo ancora aspettando, che realizzate la pista ciclabile, sulla circonvallazione, stiamo ancora aspettando che concediate i terreni della zona artigianale Pip, gratuitamente, agli imprenditori che ne fanno richiesta. Mi fermo qui, perché rischierei di annoiare, allorché l’ elenco delle castronerie che avete detto è talmente lungo, che occorrerebbero settimane. Sinceramente ho di meglio da fare, che perdere tempo con te, marziano. Quando vuoi, sono sempre pronto per il dibattito pubblico, ma credo che prevarranno gli orpelli decorativi”.

Antonello Rizza