ITALGAROZZO SCRIVE UN’ALTRA LETTERA, MA LA CITTÀ É ORMAI IN GINOCCHIO

Italgarozzo non risolve un solo problema di Siracusa, ma in compenso scrive lettere. Dopo le ultime a Mattarella, pensavamo mancasse solo quella al presidente Trump. Italgarozzo invece, in palese debito d’inventiva, torna sulla SEA Watch 3. Dice la scelta che ha fatto come tronista in carica, dice di coesione, dignità e fiducia. Ma una lettera di riflessione sulle verifiche in corso per brogli elettorali Italgarozzo non l’ha scritta. Eppure, numeri alla mano, stiamo parlando del più grande scandalo elettorale successo a Siracusa negli ultimi 75 anni? È lui il sindaco sub judice di queste verifiche dovrebbe spiegare, dire la sua. E sui disoccupati siracusani? Un tantino di solidarietà di Italgarozzo e del sodale Rosano non sarebbe d’obbligo? E sui  miasmi assassini una lettera con toni ultimativi  a Lukoil, Esso, confindustria non sarebbe urgente? E gli asili nido comunali ancora chiusi a febbraio? E la spazzatura avvolgente con la Tekra in proroga che non riesce a fare quel poco che prima di lei faceva IGM? E tutte le strade scassate? E le periferie abbandonate?