Privacy Policy IL TAR RICONOSCE CHE I BROGLI CI SONO STATI, ACCOGLIE LA RICHIESTA DI EZECHIA PAOLO REALE E ORDINA L'APERTURA DELLE BUSTE IN 74 DELLE 123 SEZIONI ELETTORALI DI SIRaCUSA – I Fatti Siracusa

IL TAR RICONOSCE CHE I BROGLI CI SONO STATI, ACCOGLIE LA RICHIESTA DI EZECHIA PAOLO REALE E ORDINA L’APERTURA DELLE BUSTE IN 74 DELLE 123 SEZIONI ELETTORALI DI SIRaCUSA

Il Tar di Catania accoglie la richiesta di Ezechia Paolo Reale e decide il riconteggio dei voti alle Amministrative del giugno scorso. Insomma, il Tar decide di aprire le buste di tutte le sezioni in cui il ricorrente ha contestato gravi irregolarità. Il che vuol dire che verranno riaperte le buste di 74 sezioni su 123 e verranno quindi riconteggiati tutti i voti e le irregolarità emerse in queste 74 sezioni. Un finimondo politico nel capoluogo visto che il tribunale amministrativo senza ombra dubbio ha riconosciuto il fatto che ci sono state grave irregolarità e se queste irregolarità vengono ritenute eccessive c’è anche la possibilità che da qui a poco il Tar decida di procedere a nuove elezioni amministrative a Siracusa. Non bisogna poi in ogni caso dimenticare che l’avvocato Paolo Reale oltre al ricorso amministrativo al Tar, ha anche presentato una dettagliata denuncia in Procura, denuncia che oggi viene consolidata proprio dalla decisione del tribunale amministrativo catanese ed anche in questo caso sono possibili notizie clamorose. In sintesi. I brogli ci sono stati e il Tar lo riconosce decidendo di controllare  ben 74 sezioni (3 col riconteggio, 71 sulle irregolarità) su 123. Tutto dovrebbe consumarsi nel giro di quattro-cinque mesi al massimo. Va da se che da oggi in poi Italgarozzo dovrebbe limitarsi all’ordinaria amminsitrazione. Ma su questo non ci dovrebbero essere problemi visto che in atto non c’è nemmeno quella.