Privacy Policy IL CASO DELL'OSTELLO DELLA GIOVENTU'/ UN BENE SIRACUSANO CONSEGNATO AI CATANESI. DOVEVA DARE OCCUPAZIONE AI NOSTRI GIOVANI. LA FORZATURA SOLITARIA DEL COMMISSARIO FLORENO. IL COMUNE FA DIETROFRONT – I Fatti Siracusa

IL CASO DELL’OSTELLO DELLA GIOVENTU’/ UN BENE SIRACUSANO CONSEGNATO AI CATANESI. DOVEVA DARE OCCUPAZIONE AI NOSTRI GIOVANI. LA FORZATURA SOLITARIA DEL COMMISSARIO FLORENO. IL COMUNE FA DIETROFRONT

Sull’Ostello della gioventù sta succedendo di tutto. Pensate un po’ al comunicato di ieri di due consiglieri comunali di Italgarozzo che gioivano perchè questa struttura costata miliardi di soldi pubblici dei siracusani diventava la foresteria dei docenti e dei funzionari della facoltà di Architettura di Catania. Oggi Italgarozzo fa dietrofront, ma non basta. Ma andiamo per ordine.

VINCIULLO-CASTAGNINO-BASILE-ALOTA:

L’EX PROVINCIA HA CACCIATO GIOVANI DISABILI

ORA LI OSPITI ALL’OSTELLO DELLA GIOVENTU

‘Apprendiamo, attraverso un comunicato stampa di due Consiglieri Comunali, che giovedì sarebbe stata fissata la data per la consegna dei locali dell’Ostello della Gioventù alla Facoltà di Architettura che li utilizzeranno come foresteria dei docenti e dei funzionari dell’Università di Catania, data l’eccessiva lontananza che separa la città di Siracusa da quella di Catania! Detti Consiglieri Comunali, nell’esprimere la loro soddisfazione, perché un bene destinato al lavoro e all’occupazione dei siracusani viene mummificato e reso improduttivo, ringraziano il Sindaco e l’Assessore comunale ai Beni Culturali che hanno firmato questo presunto accordo con la ex Provincia e con l’Università. Lo dichiarano Vincenzo Vinciullo e i Consiglieri Comunali Salvatore Castagnino, Fabio Alota e Mauro Basile, insieme al coordinatore del gruppo consiliare “Siracusa Protagonista” Alberto Palestro. Premesso che, se così fosse, non vengono rispettate le finalità per cui venne concesso, a suo tempo, il finanziamento e che si rischia seriamente che, nonostante siano passati tanti anni, vi sia un’azione della Corte dei Conti o comunque dei soggetti che devono vigilare sui flussi finanziari extra regionali e sul loro utilizzo, vorremmo innanzitutto capire se è vero ciò che dicono i due Consiglieri Comunali e come si sia potuto immaginare di privare i cittadini di Belvedere di un’occupazione certa e sicura quale quella della creazione di una cooperativa o di una società dove, almeno 18 ragazze e ragazzi di Belvedere, o comunque della nostra città, potevano essere impiegati in modo certo e duraturo. Perché è notorio a tutti che gli ostelli della gioventù funzionano in tutta Europa e che i giovani europei si spostano con frequenza notevole e che, di conseguenza, strutture così sono sempre piene di giovani che, tornando nel loro paese, parleranno dei tesori di questa città. Con questo provvedimento, hanno proseguito Vinciullo, Castagnino, Alota, Basile e Palestro, ci viene tolta la possibilità di dare lavoro, al massimo assumeranno qualche colf per pulire le stanze, lasciate libere dai professori e dai funzionari dell’Università di Catania. Immaginavamo altro destino per questa struttura, tant’è vero che, proprio perché sapevamo che non poteva essere destinata ad altro utilizzo, non ci eravamo mai permessi di esternare altre probabili destinazioni.

Ma, dal momento che la ex Amministrazione Provinciale ritiene di poter utilizzare questi locali per altri fini, non previsti nel bando di finanziamento, riteniamo che, anziché destinare questi locali ai professori e funzionari dell’Università di Catania, questi locali DEVONO essere destinati alle ragazze e ai ragazzi diversamente abili della provincia di Siracusa che, in questi ultimi mesi, sono stati privati, da parte della stessa ex Provincia, della sede che era stata affittata per loro tanti anni fa.

Appare quanto mai singolare che da una parte si cacciano via dalla “loro sede” le ragazze e i ragazzi diversamente abili, dicendo di non avere risorse per il pagamento degli affitti e di non avere locali da assegnare per le finalità di inserimento e di crescita di questi soggetti fragili e svantaggiati, e dall’altra, invece, si pensa di destinare locali che appartengono alla ex Provincia di Siracusa a un’istituzione catanese che sicuramente non si è inserita nella nostra città, che ha ottenuto tantissimo in questi anni, senza avere mai un ritorno pari a quello che è stato investito dalla ex Provincia regionale e dal Comune di Siracusa . Lascia poi perplessi il fatto che un Commissario pensi di intervenire su una questione così complessa e importante senza avere prima coinvolto le forze sociali, politiche, sindacali e culturali della città e che il tutto è avvenuto nel pieno rispetto dei principi carbonari e per cui è rimasto fatto segreto fino a qualche ora fa, quando è stato svelato dai due Consiglieri Comunali, escludendo di fatto tutta la provincia da questa decisione che è troppo importante per poter essere presa con un provvedimento sconosciuto a tutto il territorio. Continua, quindi, la spoliazione della nostra provincia in maniera sistematica ora a favore di  Palermo, quasi sempre a favore di Catania. Noi, hanno concluso Vinciullo, Castagnino, Alota, Basile e Palestro, diciamo basta e ribadiamo con forza il concetto che quei locali devono rimanere nella piena disponibilità dei siracusani e che devono essere destinati ai soggetti più bisognosi di aiuto e più fragili quali sono i ragazzi e le ragazze diversamente abili, immaginando che possa diventare la sede del progetto “Dopo di noi”.

IL COMMISSARIO FLORENO

DOMANI LA CONSEGNA DELL’OSTELLO

Domani mattina alle ore 10,30, alla presenza del Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale, dott.ssa Carmela Floreno, in programma la consegna dell’Ostello della Gioventù all’Università di Catania facoltà di Architettura in collaborazione con il Consorzio Universitario Archimede.

Sin qui il comunicato dell’ex Provincia che non spiega nulla e va avanti come se niente fosse. Ma il commissario nominato dal presidente Musumeci ha i poteri di decidere su un’opera pubblica che aveva precise finalità, oggi disattese, e che è costata miliardi di soldi pubblici? L’Ostello di Siracusa consegnato all’università di Catania? E i siracusani cosa sono carne da macello?

DIETROFRONT DELL’ITALGAROZZO

SOLO GIOVANI ALL’OSTELLO

Il sindaco Francesco Italia e l’assessore alle Politiche culturali e alla Università, Fabio Granata dichiarano: “Grazie alla lungimiranza degli attori in campo (Provincia, Consorzio Universitario, Università e Comune) da domani l’Ostello avrà nuovamente nuova vita ospitando gli studenti di Architettura selezionati con graduatoria dall’Ersu”.

Dietrofront di Italia-Granata che smentiscono il comunicato di ieri. All’Ostello non andranno a dormire i docenti e i funzionari di Architettura di Catania, ma saranno invece ospitati 60 studenti della stessa facoltà in base a una graduatoria che tiene conto delle varie possibilità economiche. E’ un dietrofront che rende meno amara la pillola della consegna ai catanesi di un  bene che doveva servire all’occupazione di siracusani.   Sempre, e immotivatamente, servi.