Privacy Policy ARRESTATI DUE GIOVANI ROSOLINESI MENTRE RUBAVANO IN UNA CASA – I Fatti Siracusa

ARRESTATI DUE GIOVANI ROSOLINESI MENTRE RUBAVANO IN UNA CASA

Nel corso della mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Noto (SR) hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di furto in abitazione due giovani rosolinesi, DI MARI Damiano,  classe 1991 e A.P. classe 1999.

Nella prima mattinata, un abitante, notando che il portone di accesso all’abitazione di un vicino era aperto, insospettito dal fatto che il proprietario non fosse più residente presso quel civico, contattava il numero di emergenza 112 richiedendo l’intervento di una pattuglia per verificare l’eventuale presenza all’interno di malintenzionati.

Immediatamente sul posto giungevano i Carabinieri della Nucleo Operativo e Radiomobile, già in zona, impegnati in servizio di perlustrazione sul territorio, i quali, entrati in casa, bloccavano i due giovani ancora intenti a mettere a soqquadro i vari locali al fine di trovare oggetti di valore da asportare. Condotti in caserma, i rei sono stati dichiarati in stato di arresto e, espletate le formalità di rito, trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Noto in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Noto rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza in considerazione del fatto che i reati contro il patrimonio rappresentano senza dubbio uno dei delitti maggiormente sentiti dalla popolazione, in grado di suscitare allarme sociale ed ingenerare un diffuso senso di insicurezza. Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri per prevenire e reprimere tali tipologie di reati, affiancando alla capillare perlustrazione del territorio una continua e attività info-investigativa, contattando la cittadinanza al fine di acquisire quante più notizie utili per prevenire il ripetersi di tali reati ed assicurare alla giustizia gli autori di quelli giù commessi.

Condividi questo Articolo