Privacy Policy ENNESIMA AREA PER CANI COI FONDI DEL SINDACO, IGNORATI E PENALIZZATI INVECE ANZIANI E BAMBINI – I Fatti Siracusa

ENNESIMA AREA PER CANI COI FONDI DEL SINDACO, IGNORATI E PENALIZZATI INVECE ANZIANI E BAMBINI

Scrive il consigliere comunale Simona Princiotta: “A Siracusa vengono chiusi i centri anziani e le persone ricoverate sfrattate ed in 24 trasferite in modo coatto in istituti della provincia come oggetti. I dipendenti licenziati sono senza un anno di stipendi. Non ci sono soldi per I bambini in affido familiare ma si continua a SPENDERE PER FARE DOG PARK . ECCO COME UTILIZZA GAROZZO IL FONDO DI RISERVA DEL SINDACO, PER QUESTE EMERGENZE. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA. MI RACCOMANDO RIVOTATELI QUESTI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA CHE HANNO PERMESSO LA DEMOLIZIONE DELLA NOSTRA CITTÀ”.

Stamattina c’è stata persino una conferenza stampa sul posto per presentare la nuova area per cani di piazza Adda (nella foto). L’associazione che la dovrebbe gestire sarebbe sempre la stessa e cioè Zampettiamo Siracusa e sarebbero stati spesi 25mila euro del fondo di riserva del sindaco. C’è chi parla apertamente di provvedimento clientelare che avrebbe gratificato un consigliere comunale di maggioranza, ma oltre al provvedimento che sarebbe da campagna elettorale, resta comunque un fatto: Dal fondo di riserva del sindaco, che dovrebbe servire per emergenze e palesi disagi della nostra comunità, sono stati prelevati prima soldi per il capodanno assai contestato e di cui abbiamo già riferito ed oggi anche per un’area per cani. Sarebbero così tre le aree per cani: una a Scala Greca, una a San Giovanni e ora una in piazza Adda. Quella di Scala Greca ha bisogno di fondi essendo già in degrado, quella di San Giovanni è stata completamente abbandonata e oggi c’è anche piazza Adda. Cioè abbiamo una Garozzo Band che, atti alla mano, trascura e se ne frega di anziani e bambini (vedi il disastro nelle scuole), ma crea aree per cani che poi abbandona dopo qualche settimana, con forti dubbi clientelari su queste operazioni, dubbi che cercheremo di chiarire definitivamente da qui a qualche giorno.