Privacy Policy CASTAGNINO ATTACCA LA CONSULENTE SCHEMBARI: CI COSTA 17MILA EURO E LA DIFFERENZIATA E' UN FALLIMENTO – I Fatti Siracusa

CASTAGNINO ATTACCA LA CONSULENTE SCHEMBARI: CI COSTA 17MILA EURO E LA DIFFERENZIATA E’ UN FALLIMENTO

OGGI SU I FATTI IN EDICOLA:

Tassa della spazzatura iperbolica, consulenze superpagate, differenziata ridicola, ma è stato l’ennesimo convegno farlocco sui rifiuti zero a far saltare la pentola. Così il consigliere Salvo Castagnino ha preso carta e penna e ha attaccato il Comune nel merito delle spese fatte e in itinere per il consulente inutile, per l’associazione amica. Leggiamo:

“Progetti ambiente che portano il nome di associazioni che li gestiscono coinvolgendo consulenti che costano e continueranno a costare al comune.  17 mila euro circa ad oggi il costo che ha sostenuto l’ente solo per uno di loro, l’avvocatessa Schembari – dice Castagnino – , ma se arrivassero i risultati potrebbe  anche essere una spesa giustificata, invece no, i risultati stanno a zero. La differenziata non aumenta per tanti motivi, ad esempio se si vogliono conferire rifiuti ingombranti la procedura è complicata e non accessibile a tutti. Sicuramente la sensibilizzazione del cittadino è fondamentale, ma gli strumenti per applicare l’educazione a Siracusa non esistono, si fanno convegni, passerelle e bla bla bla. Progetto Rifiuti Zero approvato in aula e poi guarda un po’ assegnato ad un associazione che si chiama Rifiuti Zero. Coincidenze che costano impegno di tempo e denaro. Consulenti selezionati senza un avviso che costano migliaia di euro. Che poi gli stessi consulenti per ricaduta – visto l’incarico nel capoluogo – siano anche consulenti in diversi comuni della provincia è un dato di fatto. Insomma, voglio dire che questa della differenziata e di rifiuti zero è una pantomima che contribuisce a svuotare le casse del Comune.  Una grande finzione pre elettorale che prelude a possibili candidature alle prossime Amministrative”.

E non finisce qui. “Ci sono anche i progetti obiettivi – aggiunge Castagnino –  spesso curati dalle stesse persone di cui ho detto prima. Li presentano nelle scuole e siccome si tratta di progetti previsti nel budget delle stesse scuole, vengono profumatamente retribuiti. Insomma, la comunità siracusana non ha benefici, ma non c’è dubbio che c’è un indotto che premia professionisti amici e qualche viso, lo voglio ripetere, che vedremo candidato da qui a non molto”.

Oltre a Salvo Castagnino, s’arrabbia anche l’ex assessore Alfredo Foti. “Anche la pazienza ha un limite! – afferma infatti l’ex componente della giunta Garozzo –. Continuate a menarcela con queste continue conferenze stampa su ” Differenziata, Riciclo etc….” La verità è che Siracusa è fanalino di coda con una percentuale appena del 5.2%. Dire abbiamo fallito, non è un disonore, ammettere una sconfitta è segno d’intelligenza. Speriamo in un futuro migliore”.

Oggi quindi si riparte da queste pubbliche denunce e da un punto fermo: La politica del Comune sull’ambiente è stata fino ad oggi costosa e fallimentare. Lo sperpero continua o si volta pagina?