ARCIGAY FA IL LAVAGGIO DEL CERVELLO AGLI STUDENTI SIRACUSANI. I GENITORI CHE FANNO, LA CHIESA CHE FA?

Il sito “Riscossa cristiana” pubblica questo articolo di Ludovico Biglia che ci riguarda direttamente:
Per chi ancora avessi dubbi sull’applicazione del “paradigma gender” all’interno delle scuole italiane segnaliamo una nuova iniziativa avviata da pochi giorni in Sicilia, nello specifico a Siracusa. Il progetto si chiama “Scuola Arcobaleno” ed è promosso da Arcigay Siracusa non lasciando dunque spazio a fraintendimenti riguardo i fini prefissati.
Le prime tappe di questo corso di indottrinamento al gender si svolgeranno il 24, 25 e 26 febbraio al Liceo Artistico Antonello Gagini e successivamente, il 27 e 28 febbraio, presso il Liceo Scientifico Mario Corbino (qui c’è stato un rinvio ndr).
A curare gli incontri è niente di meno che la referente area psicologica dell’Arcigay di Siracusa Maria Vittoria Zaccagnini, con la collaborazione del presidente Arcigay Siracusa, Armando Caravini, e dei loro volontari. La Zaccagnini ha presentato con queste parole le finalità del progetto “educativo”: “Non si fa altro che dare ai ragazzi gli strumenti per capire cosa è la discriminazione e a godere della ricchezza delle diversità. Si cerca di contrastare la stereotipizzazione delle relazioni e delle persone aiutando i giovani a sviluppare il pensiero critico”. Al di là delle consuete “ammalianti” formule di rito politicamente corrette, il progetto promosso dall’Arcigay nelle scuole siracusane è una vero e proprio lavaggio del cervello nei confronti dei già confusi giovani siciliani per inculcargli l’apparentemente incomprensibile concetto di “normalità” omosessuale.
Ludovico Biglia
Lapidario il giudizio di Giorgio Rapanelli:
Ormai la Sinistra è fuori di testa e crede di riuscire a farci cambiare idea, noi che seguiamo almeno San Paolo, sul fatto che il Gender è un lavaggio del cervello per distruggere l’identità naturale dei bambini e dei giovani. Se un individuo vuole essere un gay, padronissimo di esserlo. Fino ad oggi nessuno ci faceva caso e l’omofobia era solo una fissazione dell’onorevole Scalfarotto. Oggi, i veri omosessuali sono preoccupati a causa del Gender nelle scuole, perché li espone ad una attenzione non richiesta… L’errore di questi LGBT è l’arroganza di essere degli “illuminati” sulla via della verità. Sono solo degli impotenti a procreare. E fino a che un omosessuale ha bisogno di un utero in affitto è solo un povero impotente immorale nei confronti della donna e del figlio di costei, acquistato sul mercato degli schiavi dell’impotenza. Il Papa ha già espresso la sua esecrazione nei confronti del Gender… Cosa aspettano i vescovi e i presbiteri a tuonare dai pulpiti, onde orientare i fedeli e mettere di fronte alle loro responsabilità i “cattolici” del PD?