PUBBLICHIAMO IL VIDEO DELL’INCENDIO ALL’ISAB. VERGOGNOSAMENTE ASSENTI SINDACATI, DEPUTATI E I SINDACI DI PRIOLO, SIRACUSA, MELILLI ED AUGUSTA

PUBBLICHIAMO IL VIDEO DELL’INCENDIO ALL’ISAB. VERGOGNOSAMENTE ASSENTI SINDACATI, DEPUTATI E I SINDACI DI PRIOLO, SIRACUSA, MELILLI ED AUGUSTA

Ieri c’è stato un incendio all’Isab che ha messo in angoscia migliaia di persone. In ogni caso tutti gli abitanti di Priolo, Augusta, Melilli e Siracusa che hanno visto svilupparsi questo focolare con una colonna di fumo nero che ha fatto temere il peggio. A denunciare questo terribile pericolo solo Giuseppe Patti, responsabile dei Verdi a Siracusa. Non c’è stato nessun riscontro dai sindacati che dovrebbero intanto tutelare la vita dei lavoratori costretti in Isab e in aziende vicine. Non c’è stata nessuna protesta con interrogazione al ministro e al governo da parte dei deputati nazionali e regionali di Siracusa che, lo ricordiamo, sono quasi tutti del Movimento Cinque Stelle. Hanno taciuto anche i sindaci Pippo Gianni, Giuseppe Carta, Cettina Di Pietro e Francesco Italia. Come se la cosa non li riguardasse, come se non fossero loro quattro la prima autorità sanitaria di Priolo, Melilli, Augusta e Siracusa. Un comportamento irresponsabile che si ripete da anni e anni. Il Petrolchimico ci massacra, a centinaia muoiono di cancro e tutti, sindacati, deputati, sindaci, zitti e mosca. I ripetuti incidenti così come gli incendi poi dicono di impianti obsoleti sfruttati comunque fino all’osso, in dispregio della sicurezza delle comunità che sono loro malgrado vicine di casa del Patrolchimico degli orrori. E l’incendio? Le solite falsità, allarme rientrato, tutto sotto controllo e si riparte, come se niente fosse. Ma i siracusani cosa aspettano? Vogliono richiamare al dovere chi li rappresenta? Magari basta la telefonata giusta a Striscia la notizia.

PUBBLICHIAMO IL VIDEO DELL’INCENDIO ALL’ISAB. VERGOGNOSAMENTE ASSENTI SINDACATI, DEPUTATI E I SINDACI DI PRIOLO, SIRACUSA, MELILLI ED AUGUSTA ultima modifica: 2019-01-11T12:53:34+00:00 da Ifatti